Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Florian Espace Roberto Anglisani in Giobbe

Sabato 12 gennaio ore 21.00 al Florian Espace la storia di un uomo semplice dal romanzo di Joseph Roth adattamento e regia di Francesco Niccolini consulenza storica e letteraria Jacopo Manna Spettacolo vincitore dei “Teatri del sacro” 2017

 

Torna finalmente in Abruzzo uno dei maestri del teatro di narrazione: Roberto Anglisani. Attore, regista, pedagogo, dopo diversi anni di assenza torna a Pescara e lo fa per raccontarci la storia di un uomo semplice e virtuoso: Giobbe. Lo spettacolo sarà seguito da un incontro con Anglisani condotto da Anna Michetti. “Più di cento anni fa, in Russia, al confine con la Polonia, in un villaggio così piccolo che non è riportato su nessuna mappa, viveva un maestro. Si chiamava Mendel Singer. Era un uomo insignificante. Era devoto al Signore. Insegnava la Bibbia ai bambini, come prima di lui aveva fatto suo padre. Insegnava con molto passione e poco successo. Uno stupido maestro di stupidi bambini: così pensava di lui sua moglie Deborah”.

Così inizia questo racconto, che attraversa trent'anni di vita della famiglia di Mendel Singer, di sua moglie Deborah e dei suoi quattro figli. Ma attraversa anche la storia del primo Novecento, dalla Russia all'America, dalla guerra russo giapponese alla prima guerra mondiale e oltre. Ma soprattutto attraversa il cuore di Mendel, lo stupido maestro di stupidi bambini, devoto al Signore, e dal Signore – crede lui – abbandonato. Roberto Anglisani dà voce a tutti i pensieri dei protagonisti, alle paure, alle speranze e alla disperazione, alle preghiere e alle rivolte. Come dice Skowronnek, grande amico di Mendel Singer, «Noi siamo dentro il disegno, e il disegno ci sfugge», per questo Mendel – e tutti gli altri – fanno tanta fatica: la vita è un mistero, la fede un rifugio, e il dolore mette a dura prova anche l'uomo più giusto.

“Giobbe” – romanzo perfetto di Joseph Roth – diventa così un racconto teatrale tragicomico proprio come la vita, dove si ride e si piange, si prega e si balla, si parte, si arriva e si ritorna, si muore in guerra e si rinasce. Senza giudizio, senza spiegazioni: ma, attraverso lo sguardo mite e sereno di un narratore misterioso e onnisciente, ricchi di compassione e accompagnati da un sorriso, lieve, dolcissimo, che spinge tutti i protagonisti di questa storia, lunga quanto una vita, e forse anche un po' di più”. F. Niccolini

Roberto Anglisani inizia la sua formazione nella Comuna Baires nel 1977 con cui partecipa ad alcuni Festival internazionali. Frequenta la scuola di Animazione del Piccolo Teatro di Milano. Dal 1989 collabora con Marco Baliani al progetto STORIE, iniziando un percorso sulla narrazione orale che lo porterà a creare narrazioni singole e a partecipare a numerosi progetti sul teatro di narrazione. Numerosi i premi vinti nella sua lunga carriera d’attore e i Festival internazionali di narrazione in cui è stato invitato. A Dicembre 2018 conduce un laboratorio di narrazione anche al Florian Espace per OIKOS Residenza per Artisti, laboratorio che avrà una seconda tappa domenica 13 e lunedì 14 Gennaio.

loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…