Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Sagra di Tortoreto. "nessun boicottaggio"

L’Associazione Esercenti e Operatori Turistici di Tortoreto – Borgo Medievale Interviene sulle ultime polemiche estive per la mancata realizzazione della Sagra di Tortoreto alto e il 5° memorial calcistico dedicato a “Norman Rasicci”: "Noi vogliamo bene alla città senza essere strumentalizzati da nessuno".

Tortoreto. "Recentemente, sugli organi di stampa, sono apparsi comunicati e dichiarazioni circa il nostro intento di boicottare la tradizionale sagra nella parte antica della città e il 5° memorial calcistico dedicato al mai dimenticato Norman Rasicci - interviene L’Associazione Esercenti e Operatori Turistici di Tortoreto Borgo Medievale - Purtroppo ci vediamo costretti a smentire categoricamente queste affermazioni prive di fondamento, ma anche lesive per la nostra associazione e per l’intera collettività tortoretana. Riguardo alla pluridecennale sagra nella parte alta della città, possiamo con la massima tranquillità affermare che non abbiamo mai boicottato l’evento, nonostante abbiamo le nostre attività aperte tutto l’anno".

E spiegano come sono andate le cose: " la Pro Loco di Tortoreto, ci aveva contattato verso la metà di giugno chiedendoci di collaborare con la gestione dei singoli stand. Purtroppo, per i tempi ristretti per la normale burocrazia (normative comunali e igieniche/ASL) e l’allestimento dei singoli stand (parte tecnica), avevamo chiesto agli organizzatori di consegnarci “chiavi in mano” la sagra, cioè pronta all’uso (in regola) per noi operatori del settore, nonostante avessimo le nostre attività a pieno regime. Noi, visto che la nostra richiesta non era stata presa in considerazione, abbiamo deciso, senza polemiche, di non partecipare. Crediamo che gli eventi vadano programmati con tempo e regole certe per tutti. Nel secondo caso del 5° memorial “Norman Rasicci” di Tortoreto alto, sulle date passate da 5 a 3, successivamente diventata una sola giornata spostando la location allo stadio “Fontanelle” al 12 luglio, siamo stati tirati dentro una polemica sterile e menzognera, visto che non decidiamo noi l’uso della piazza".

Aggiungono: "Soprattutto non vorremmo mancare di rispetto alla famiglia dello sfortunato calciatore scomparso nel 2015. Pubblicamente, più volte, abbiamo esternato il fatto che il torneo di calcetto potrebbe tranquillamente essere svolto anche nei mesi di giugno e settembre, lasciando la possibilità agli esercenti di XX settembre di svolgere una normale attività nei mesi di luglio e agosto. Noi siamo aperti alla collaborazione e discussione per il bene della città, ma sia ben chiaro che non accettiamo strumentalizzazioni per fini politici".

Ultima modifica il Lunedì, 08 Luglio 2019 17:21
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…