Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Lunedì, 17 Luglio 2017 17:57

Tempesta spacca alberi di Manoppello e Brecciarola. Conalpa chiede "Soluzioni professionali"

Scritto da Reden
albero colpito albero colpito

La tempesta tra Manoppello e Brecciarola di venerdì scorso ha colpito uno dei viali storici alberati più importanti del Centro Sud Italia, con il Cipresso italico di oltre 30 metri

 

A farlo sapere è il Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus in sopralluogo nell'area: “I cipressi di Brecciarola sono circondati dal cemento e dall'asfalto, ubicati lungo una strada molto trafficata e sottoposti ogni giorno a un impatto antropico considerevole. Inoltre, l'aumento dell'edificato e delle attività commerciali intorno agli alberi ha peggiorato ulteriormente il loro spazio vitale." Secondo il Co.N.Al.Pa. questi alberi hanno bisogno di cure professionali e di analisi di stabilità per diagnosticare le reali condizioni fitosanitarie.

"Il patrimonio arboreo della Tiburtina tra Brecciarola e Manoppello va tutelato e conservato evitando qualsiasi speculazione o fobia degli alberi che possa innescare una mattanza senza precedenti contro gli esemplari centenari." spiega l'associazione, "All'altezza di Manoppello Scalo abbiamo osservato anche i tigli crollati, miracolosamente senza fare grossi danni o feriti. Abbiamo riscontrato criticità evidenti nel colletto e nell'apparato radicale degli alberi, con mancanza di radici sul lato strada, con importanti carie interne al tronco, con capitozzature che hanno provocato problemi sanitari all'albero. Anche i Tigli, alberi molto longevi e resistenti, su questa strada andrebbero sottoposti ad attenta analisi." "L'analisi di stabilità è fondamentale per evitare nuovi disastri." spiega il Co.N.Al.Pa.

"Sostituire gradualmente gli alberi compromessi non vuole dire assolutamente abbattimento indiscriminato di tutti gli alberi. I residenti sono indubbiamente impauriti da quanto accaduto ma occorre ricordare che gli alberi vanno curati con personale altamente specializzato, potati da arboricoltori esperti e non da ditte di avventurieri e incompetenti. Un'arboricoltura di qualità può evitare crolli e problemi sanitari sulle piante" conclude l'associazione." "I grandi alberi dell Tiburtina abbattono quotidianamente gran parte del particolato atmosferico che si sviluppa sulla trafficata arteria stradale. Solo un folle penserebbe di abbattere tutti gli alberi della Tiburtina e trasformare questa strada in un deserto." continua il Co.N.Al.Pa.

"Desideriamo una soluzione del problema in maniera professionale, utilizzando il cervello e senza superficialità, coinvolgendo gli esperti del settore, senza distruzione del paesaggio storico, auspicando nel dialogo e nella collaborazione con gli amministratori pubblici. Questi alberi sono un vanto per il nostro Abruzzo e sono una ricchezza paesaggistica e turistica di inestimabile valore."  

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233743