Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 

 
 
 
Mercoledì, 10 Gennaio 2018 16:31

Pescara, arriva l'art Bonus, primo intervento al museo Cascella

Unpli, Archeoclub, le associazioni fanno sistema per salvare la cultura Unpli, Archeoclub, le associazioni fanno sistema per salvare la cultura foto di Angela Curatolo

Avv. Loris Di Giovanni in conferenza.

 

 

Oggi, mercoledì 10 gennaio 2017 in sala giunta del Comune di Pescara il primo intervento di Art Bonus della città relativo al Museo civico B. Cascella. Presenti oltre al Sindaco Marco Alessandrini, l’assessore alla cultura Giovanni Di Iacovo e Loris Di Giovanni.

"Il Comune e l’assessorato alla cultura – ha sottolineato Di Iacovo- proseguono il loro impegno nella valorizzazione e nella cura del patrimonio artistico cittadino attraverso lo strumento dell’Art Bonus introdotto dal Dlgs. 83/2014 e convertito con modifiche nella Legge 106/2014, che ha introdotto un credito di imposta per le erogazioni liberali in denaro a sostegno della cultura. Successivamente la Legge di stabilità del 2016 ha reso permanete l’Art Bonus confermando l’agevolazione fiscale al 65% per tutte le donazioni a favore di monumenti, edifici storici, opere d’arte, biblioteche, aree archeologiche" . 

"Una grande opportunità per le imprese - per il Sindaco Marco Alessandrini - un’occasione unica per ogni singolo cittadino di Pescara, un percorso virtuoso di partnership pubblico-privata, per riportare all’originario splendore alcune delle più significative opere di una dinastia di artisti legata indissolubilmente alla città: i Cascella. Un primo intervento al quale seguiranno sicuramente altri. "

Il Legislatore con l’Art Bonus ha voluto raggiungere un duplice obiettivo: responsabilizzare i cittadini alla conoscenza del patrimonio che li circonda, dare al possibilità a tutti, indipendentemente dalla capacità di donazione (infatti non esistono limiti verso il basso e/o verso l’alto), di contribuire alla salvaguardia dei beni artistici.

"L’intervento sul Museo civico Basilio Cascella,- come ha spiegato l’Avv. Loris Di Giovanni, - muove su un duplice binario: la catalogazione di tutte le opere del museo (per un totale di 1000 Eu.) ed il restauro di diciassette opere (per 5850 Eu.) individuate tra quelle esposte nelle sale e conservate nei depositi, tutte su supporto cartaceo e realizzate con varie tecniche dalla matita al carboncino, passando per la sanguigna e la tempera. Le opere presentano deformazioni del supporto dovute alla fisiologica conseguenza delle variazioni di temperatura e di umidità nel museo, oltre a lacerazioni del supporto, lacune di colore e degradi sulle cornici. Si interverrà in un primo tempo con il consolidamento dei supporti cartacei, il ristabilimento della planarità superficiale ed il risanamento delle lacerazioni e piegature. Ripristinata l’unità dei beni si procederà al restauro pittorico mirato alla reintegrazione cromatica delle lacune presenti ne, ove necessario, al reintegro delle cornice e dei vetri danneggiati".

Ad oggi, da statistiche ufficiali del Mibact, le erogazioni liberali dal 2014 ammontano a 200 milioni di Euro, con 1323 interventi a favore del patrimonio culturale italiano e 6345 mecenati aderenti, tra privati ed imprese. Il limite dell’Art Bonus è che va superato il divario troppo alto tra le regioni italiane. Gli interventi di maggiore entità sono quasi tutti concentrati al Nord con i settantatre milioni della Lombardia, i trenta del Veneto ed i ventotto del Piemonte. Ma veniamo alla situazione in Abruzzo. Quello che viene presentato rappresenta il decimo intervento. Dei nove presenti solo uno si è chiuso in provincia di Pescara con la raccolta di 34.000 Euro, interamente donati dalla B.C.C. di Castiglion Messer Raimondo e Pianella. Fatta eccezione di un piccolo contributo di 600 Euro alla Biblioteca antica del Convitto Nazionale di Chieti, nessun altro intervento proposto ha incontrato il gradimento di imprese o privati.

"Non è difficile effettuare una erogazione liberale a favore del Museo di Pescara e fruire del credito di imposta del 65% stabilito dalla legge. Per prima cosa – ricorda l’assessore Di Iacovo- bisogna accedere al sito governativo (www.artbonus.gov.it), scorrere fino a “lista interventi” ed inserire nel motore di ricerca la parola Pescara. Apparirà la scheda del Museo Civico B. Cascella inserita il 21/12/2017. Nella “scheda completa degli interventi” sono presenti oltre alla descrizione di carattere storico artistica dei beni, diverse informazioni sullo stato di conservazione degli stessi. Si può scegliere se aderire al restauro delle prime diciassette opere o al finanziamento della catalogazione. In un apposito specchietto si trovano le informazioni sul conto corrente e l’IBAN. Una volta effettuata l’erogazione liberale, il Comune, pubblicherà sul sito l’ammontare della stessa ed il mecenate potrà, a sua volta, comunicare gli estremi della donazione per poi scaricarsi un’autodichiarazione da portare al proprio commercialista e, se lo ritiene opportuno, dare il proprio consenso alla pubblicazione del nome e del cognome (o della ragione sociale se una ditta) sul sito dell’Art Bonus. Questa nostra iniziativa, prima ancora di essere resa pubblico, ha già ricevuto una piccola donazione per il restauro. Singolare il fatto che non provenga da un grande istituto di credito o da un’impresa famosa, bensì da uno storico della città: il Prof. Enzo Fimiani. "

Ultima modifica il Mercoledì, 10 Gennaio 2018 20:24
 

chiacchiere da ape

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233016