Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Sabato, 28 Marzo 2020 17:41

Coronavirus/Atri. Corso di recitazione on line per ragazzi

Scritto da kim redy

Ieri 27 marzo era la giornata del teatro

ATRI. Anche in questo periodo nel quale è necessario restare a casa per limitare e contrastare la diffusione del Covid-19 non si ferma il corso di recitazione per i 45 studenti degli Istituti Superiori di Atri che lo frequentano.

Gli allievi hanno infatti scaricato una App per potersi collegare online e poter continuare a frequentare, seppur a distanza, il laboratorio di teatro con prove a memoria, corsi di dizione e fonetica. Un’attività ancora più preziosa per poter aiutare i ragazzi stessi non solo per la loro formazione, ma anche per il loro umore e il loro benessere psicologico in questi giorni duri e difficili. Il corso è organizzato dal Comune di Atri con le collaborazioni della Scuola Civica Claudio Acquaviva e degli istituti superiori di Atri, ovvero il Polo Liceale "L. Illuminati" e l’Istituto di Istruzione Superiore "Adone Zoli".

Il corso, è alla sua sesta edizione ed è tenuto dall'associazione Les Enfants Rouges, con la regia di Nicole Giuliani. “I ragazzi hanno accolto molto favorevolmente la mia idea di proseguire il laboratorio anche se a distanza – commenta Nicole Giuliani - oggi la tecnologia permette di annullare le distanze e quindi i ragazzi hanno scaricato la App e abbiamo iniziato a interagire riorganizzando il nostro percorso. Una scelta che si è rivelata vincente non solo dal punto di vista formativo, ma anche e soprattutto dal punto di vista umano e psicologico. Il teatro permette di sognare e di evadere e in un periodo come questo può rivelarsi davvero salvifico”.

“Ieri era la giornata mondiale del Teatro – commenta il direttore artistico del Teatro Comunale di Atri, Pino Strabioli - istituita nel 1962 e da allora ieri è stata la prima volta che l’abbiamo vissuta in maniera muta perché i teatri di tutto il mondo sono chiusi, viviamo questo momento di sospensione terribile, di tristezza, consapevoli però che il teatro, la musica, la poesia l’emozione continuano a farci bene e a sollevarci anche se per poco tempo da quello che sta succedendo. Con Atri abbiamo fatto e continueremo a fare un lavoro bellissimo. In città sono venuti e torneranno tanti attori che l’hanno scoperta e si sono innamorati delle sue bellezze e del suo teatro. Torneremo la prossima stagione ancora più forti, di questo ne siamo sicuri. Restiamo a casa, lavoriamo da casa, immaginiamolo da casa. Il lavoro che stanno facendo i ragazzi e che abbiamo iniziato qualche anno fa sta dando grandi frutti ed è importante specialmente in questo momento perché anche la creatività e l’emozione, si sa, alzano le difese. Dobbiamo difenderci da questo mostro in tutte le maniere, facendo teatro anche da casa possiamo aiutare noi stessi e anche gli altri. A prestissimo, un abbraccio a tutti i ragazzi, ad Atri e al suo splendido teatro”.

Ultima modifica il Sabato, 28 Marzo 2020 17:48