Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Lunedì, 14 Dicembre 2020 15:38

Pescara/nuovi nomi a vie. Piazza per Sfera Ebbasta e a Ezdra Pound no?

Scritto da Angela Curatolo

 Provocazione di studenti. Spiegato il mistero dei nuovi nomi. Blocco studentesco: "Perché? Perché ci piacevano di più." Maurizio Acerbo di Rifondazione Comunista: "spero la bravata sia servita a far conoscere Renato Berardinucci eroe della Resistenza".

Un gesto provocatorio di alcuni studenti di destra che hanno generato fraintendimenti, sono state cambiate le vie in tutta l?Italia e a Pescara Ezdra Pound ha coperto la via intitolata ad un eroe della Resistenza. Un atto diretto non ad avversari politici ma al fatto che sia stata dedicata una Piazza al nome Sfera Ebbasta e questo non è piaciuto ai ragazzi.

"Oggi tutta Italia si è svegliata con nuovi e sorprendenti nomi dati alle vie e alle piazze dal nostro movimento. Perché? Perché ci piacevano di più". Gli studenti di destra spiegano le ragioni del gesto provocatorio. Non era per offendere altre parti politiche o la storia.

"È passata qualche settimana - inizia la nota del fulmine cerchiato - da quando il sindaco di Cinisello Balsamo ha deciso di dedicare una piazza a Gionata Boschetti in arte Sfera Ebbasta. Nulla da ridire al caro sindaco: meglio uno Sfera Ebbasta qualunque che un ennesima piazza della Repubblica o piazza 25 aprile. Siamo rimasti folgorati dall'esempio di Cinisello e abbiamo deciso di partecipare anche noi a questo rinfresco della toponomastica del Bel Paese".

"Se l'unico criterio per intitolare una piazza - continua la nota - è l'arbitrio puro e semplice, abbiamo pensato che fosse meglio il nostro piuttosto che quello di qualche sindachetto in cerca di pubblicità: infatti, le nostre piazze portano nomi di poeti, politici, avventurieri, personaggi di fantasia, attrici e star della musica. Le nostre vie sono inni alla gioia, al saper vivere, alla pazzia e all'eros, le nostre piazze esempi di politicamente scorretto in questo tempo di neo-bigottismo sanitario. Ci dispiace per chi si sentirà offeso dal nuovo nome che abbiamo scelto per la sua via di casa: il nostro scopo non è quello di distruggere, ma di dare nuove voci alle nostre città annoiate".

"Un'azione - conclude la nota - che porta in sé la provocazione di chi è stufo di modelli e nomi antiquati, ridondanti, buoni solo a perseguitare gli studenti alle interrogazioni, e la volontà di chi vuole costruire l'Italia di domani con nuove pietre. Abbiamo scelto nomi forti, in tutti i sensi, nomi che ci piacciono. Punto e basta, senza doppi sensi o ipocrisie ideologiche. Perché lo abbiamo fatto? Perché una generazione rinchiusa nelle mura imbottite della propria stanza ha bisogno di visionari, sognatori, di eroi e anche di canaglie. Oggi c'è bisogno di realtà, non di illusionisti a misura di DPCM".

Maurizio Acerbo coordinatore del partito Rifondazione comunista ha mostrato indignazione sul social per il gesto ma ora è chiaro che non era rivolto a parte avverse politiche. "Questa bravata spero - ha scritto - serva involontariamente a far conoscere di più un eroe della #Resistenza".

PROVOCAZIONE FASCISTA A PESCARA I giovani neofascisti hanno ribattezzato via Ezra Pound la strada intitolata a un eroe...

Pubblicato da Maurizio Acerbo su Lunedì 14 dicembre 2020
Ultima modifica il Lunedì, 14 Dicembre 2020 16:03

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33041812