Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Venerdì, 05 Febbraio 2021 17:47

L’Abbruzz’ jiè bell’addavver - video

Scritto da Nefer

Una poesia di Luigi Fecondo in dialetto tradotta anche in italiano e inglese.

 

L’Abbruzz’ jiè bell’addavver

 

Car'e bbell'a e bbona gent'

Benvenut' a tutt' quant'.

Vi salut' nghi l'affett' e nghi la passion'

Di chi predilig' na bbell'a riflession'.

*

St'a bbrev'a ndruduzion'a "Atturn'a foch'"

Di storie e filastrocch' andiche di ninna Lucia D'Annunzio

Cià da’ sirvì pi' capì

Sempr' meji' e senz'ingann

Sopr'a chi monn' stam'a vev'...

E, nostre malgrad', di chi mort' adem'a murì...

Ma soprattutt' li cos', adem'a capì,

Com’a si fa a vev’ bbon’ e

cchi cambam'affà?

Adem’a pruà a capì e purtà sempr’ dentr’a lu cor’ nostr’

Com’ nu ver’ foch’ ardent’

Li tre dumand’ di la vet’a nostr’

Li cchiù mburtand’:

D’andò minem?

Chi sem’?

E ‘ndò stam’aì?

*

Ma pi capì meji sti dumand’ e la situazion' attual’

Abbasstanz'arrufat’e

E nu poch’ ndricciat’e

Jadem'ambarà nnazzitutt’a giudicà:

Nu stiss’, no l’iddr’.

*

Quind’ cumb’Andò,

Dem’ambarà arcanosc’ e divet’ sempr’ lu ver’ da la falzità

E dem’ambraccià sempr’ la virità

E dem’ambarà e sapé apprizzá tutt' li cos'abbune

Ca' lu Criate tutt'inder' ci don' sempr’,

In ugn’istand’:

da’ la ser’a la maten’.

*

Tutt’ li cos’ ca’ videm’ e stann’ sopr’a

Li terr’e li ciel’, li mar’e li mundagn…

So’ tutt’a robba nostr’.

Ma stu’ punt’ ji’è ‘mburtand’ piddaver.

Tenitl’e a cor’ pi n’arimané all’ombr’.

*

Tutt’ li cos’ ca’ videm’ e stann’ sopr’a

Li terr’e li ciel’, li mar’e li mundagn…

Ji’è pi me e pi te, ji’è pi tutt’a l’umanità

A partì da lì ruv' a li fuji'ammiste.

Da li ghiand’ a li castagn’e.

Fungh’ e tartuf’e mel’ zitell’

Ca’ l’Abbruzz’ jiè davver bbell’

Da lu mare a la Majiell' e lu Gran Sass'

La terr': tra pianur' e cullen',

Lu sol' ca' ci bac'e riscall tutt' li maten’'

Lu vend', la pioggia e la timbest'

Ca' mi ve' propr' vojie di fà na gran fest'.

*

A nott’e fond’a, so’ partut’ li piscatur’

E nghi la luc’e di la lun’ e di li stell’,

Pisc’ di tutt’ li razz’e:

Mazzangoll’ e sgumbr’,

Paranz’e razz’e

Cozz’e, Alicett’e vongol’ [a la maten’]

Hann’aripurtat’ sopra la spiagg’.

E cand’a m’arger’ nghi lu sguard

So’ arivinut’ pur’ li cacciatur’

Nghi li man’ pien’ di faggian’

Picciun’e cinghial’.

Ch’ billezza e cand’a grazzia

Truvam’ tutt’ li jiurn’

Pi terr’, pi ciel’e pi mar’ nostr’

Ca’ putessm’asfamà addaver’

Tutt’a la pupulazion’e lu monn’inder’

Senz’abbisgn’ di fa la find’a carità

*

E a la maten’a prest’

Send’ lu pastor’ nlundalanz’

C’arichiam’ li pechire pi la vjije di la transumanz’

E la liggiadr’ cuntaden’

Nghi la cesta tra li men’

Ca’ pur’ l’urtagg’ e la virdur’ sembr’ne,

Ca’ vann’ candenn’ nu bell’ riturnell’

Ca’ discrev’ a meraviie

Stu quadr’ di suggistion’

Di luc’ e di passion’

E tutt’ li sindimind’

Bbun’e malamind’

Dentr’a nu vortic’ vann’affini’

E mi si portn’a appress’

sopra li nuvvl’

diritt’e di raff’

a destr’e mang’

sopr’e sott’…

‘mzomm mi par’ di vev’ addaver’ nu sogn’ bell

Ma grazi’Addì jie pur’a rialtà

Lu monn’ inder’ jiè davver bbell’

E lu cor’e mi sent’ trimà

Ammezz’a st’immensità,

di culur’e di gioie,

d’iddure e di paur’,

Ma a lu cchiù prest’ ja dem’arivijà

Picché la vet’ nostr’e nij’è nu sogn’

Brutt’e o bell’e

Cattev’e o malament’.

E a lu cchiù prest’ ja dem’arivjià,

Picché la vet’e è vet’,

E vo’ ca’ scuprem lu significat’ di tutt’ li cos’,

E nghi l’anim’e a li dint’ i cià dem’aggrappà

Si ni li vulem’ perd’ pi tutt’a l’iternità…

Luigi Fecondo

 

 

 

Traduzione in italiano.

*

L’Abruzzo è davvero bella

*

Cara, bella e buona gente.

Benvenuti a tutti quanti.

Vi saluto con l’affetto e la premura

Di chie predilige una buona riflessione

*

Questa breve introduzione “intorno al fuoco”

Di lì storie e filastrocche antiche di nonna Lucia D'Annunzio

Ci deve servire per capire

Sempre meglio e senza inganni

In quale mondo stiam vivendo ora.

E, nostro malgrado, di che morte morire,

Ma la cosa più importante che ognuno di noi deve capire

E rispondere alla domanda per chi e cosa viviamo?

*

Ma per capire meglio la situazione attuale

Abbastanza arruffata

E tantissimo ingarbugliata

Dobbiamo imparare innanzitutto a giudicare

Per riconoscere e saper distinguere il vero dal falso

Dobbiamo innanzitutto incominciare ad apprezzare le cose buone

Che tutto il Creato ci dona ogni istante

Da quando ci alziamo al mattino

Fino alla sera quando torniamo a dormire.

*

Tutto ciò che vediamo è per noi.

A partire dai rovi fino ad arrivare alle verdure spontanee

Dalle ghiande fino ad arrivare alle castagne.

Funghi e tartufi e mele zitelle

Questa è la nostra Abbruzzo:

luogo incantato e pieno di bellezza.

Basta girarsi attorno e, con uno sguardo,

Possiamo abbracciare dal mare alla Majella ed il Gran Sasso.

La terra Abruzzese offre pianure e colline,

Ed il sole che ci bacia e ci riscalda sempre tutti i giorni

E a volte, pur con il vento, la pioggia e la tempesta

Mi esplode nel mio cuore

E mi vien proprio voglia di fare una gran festa.

*

A notte fonda, son partiti i piscatori.

E con la luce della luna e delle stelle,

Pesci di tutte le razze:

Mazzancolle e sgombri,

Paranza e razze.

Cozze, alicette e vongole [al mattino]

Hanno riportato sulla spiaggia.

E quando mi giro con lo sguardo,

Son tornati anche i cacciatori

Con le mani piene di faggiani,

Piccioni e cibnghiali.

Che bellezza e quanta grazia!

*

Sento il pastore in lontananza

che richiama le pecore per la via della transumanza,

E la leggiadra contadina

Con la cesta tra le mani

Che persino gli ortaggi e le verdure,

sembrano che cantino un bel ritornello

che descrive a meraviglia

Questo quadro di suggestione,

di luce e di passione

E tutti i sentimenti

Buoni e cattivi,

Dentro un vortice vanno a finire

E mi si portano dietro di loro

Sopra le nubi:

a destra e manca.

Insomma. Mi pare per davvero un sogno bellissimo,

Ma grazie a Dio è pura realtà.

L’Abruzzo è davvero bella!

E il cuore mi sento tremare..

Ma ci dobbiamo svegliare

Se non vogliamo perderla per tutta l’eternità…

Luigi Fecondo

 

 

Traduzione in lingua inglese.

*

Abruzzo is really beautiful

*

Dear, beautiful and good people.

Welcome everyone.

I greet you with affection and concern

Di chie prefers a good reflection

*

This brief introduction "around the fire"

From there, stories and ancient nursery rhymes of grandmother Lucia D'Annunzio

We need to understand

Better and better and without deceit

What world are we living in now.

And, in spite of ourselves, what a death to die of,

But the most important thing that each of us must understand

And answer the question for whom and what do we live for?

*

But to better understand the current situation

Quite disheveled

And a lot of tangled up

We must first learn how to judge

To recognize and be able to distinguish true from false

We must first begin to appreciate good things

That all Creation gives us every moment

Since we get up in the morning

Until the evening when we go back to sleep.

*

Everything we see is for us.

Starting from the brambles up to the spontaneous vegetables

From acorns to chestnuts.

Mushrooms and truffles and zitelle apples

This is our Abbruzzo:

enchanted and full of beauty.

Just turn around and, with a look,

We can embrace from the sea to the Majella and the Gran Sasso.

The Abruzzese land offers plains and hills,

And the sun that kisses us and always warms us every day

And sometimes, even with the wind, the rain and the storm

It explodes in my heart

And I really want to have a great party.

*

Late at night, the fishermen left.

And with the light of the moon and stars,

Fish of all races:

Prawns and mackerel,

Paranza and races.

Mussels, anchovies and clams [in the morning]

They reported on the beach.

And when I turn around with my eyes,

The hunters are back too

With hands full of pheasants,

Pigeons and cibnghiali.

What beauty and what grace!

*

I hear the shepherd in the distance

who calls the sheep along the way of transhumance,

And the graceful peasant

With the basket in your hands

That even vegetables and greens,

they seem to sing a nice chorus

which describes a marvel

This suggestive picture,

of light and passion

And all the feelings

Good and bad,

Inside a vortex they end up

And they take me with them

Above the clouds:

left and right.

In conclusion. It really seems like a beautiful dream,

But thank God it is pure reality.

Abruzzo is really beautiful!

And my heart I feel tremble ..

But we have to wake up

If we don't want to lose it for all eternity..

Luigi Fecondo