Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Mercoledì, 15 Settembre 2021 18:59

11 nuovi assunzioni al Comune di Giulianova

Scritto da nefer

Completato oggi l’ingresso dei nuovi assunti in Comune.

11 dipendenti andranno a ricoprire ruoli in tutte le Aree amministrative. Il Sindaco Jwan Costantini: “L’emergenza Covid non ha fermato i concorsi. Colmiamo lacune antiche, dopo anni di disinteresse”. Sono stati salutati questa mattina, nell’ Ufficio del Sindaco, i nuovi assunti al Comune di Giulianova. Son 11, in gran parte giovani, prevalentemente donne. “ Avrete soddisfazioni grandi – ha detto loro il Sindaco Jwan Costantini – a patto che entriate nello spirito di un impegno lavorativo che va oltre lo stipendio e la timbratura del cartellino. Siamo in trincea. In municipio i cittadini vengono ogni giorno, per rappresentare problemi grandi e piccoli. Amministratori e dipendenti hanno un solo obiettivo: dare risposte e, se mancano al momento, lavorare perché ci siano al più presto.” Hanno salutato i nuovi dipendenti anche il Vice sindaco Lidia Albani, l’assessore Soccorsa Ciliberti, il consigliere Livio Persiani, i dirigenti Corinto Pirocchi e Andrea Sisino. Associandosi al benvenuto del Sindaco, Lidia Albani ha incoraggiato i neo assunti, esortandoli a condividere, all’occorrenza, incertezze e perplessità su mansioni che di sicuro, in breve tempo, sentiranno come proprie. “Siete forze importanti – ha aggiunto l’assessore Ciliberti – Siete cuore e motore di questo Comune”. Sono andati nella medesima direzione, i saluti dei dirigenti Pirocchi e Sisino. Entrambi hanno sottolineato il senso di un lavoro che è, fondamentalmente, un servizio alla comunità e richiede dunque perseveranza, disponibilità, umanità. “Abbiamo svolto i concorsi nonostante la pandemia – ha concluso il Sindaco - e quando quasi tutte le amministrazioni locali avevano preferito spegnere i motori. Erano troppo pesanti, a Giulianova, le carenze di organico negli uffici. Un problema intollerabile, questo del personale, che ha condizionato per anni l’attività amministrativa e che le precedenti maggioranze non hanno mai preso in carico e risolto”.