Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Sabato, 27 Novembre 2021 17:20

Manoppello. Si è spento a Berlino padre Heinrich Pfeiffer, il Gesuita che studiò il Sacro Velo

Scritto da rednez

Nel 1999 gli fu conferita la cittadinanza onoraria di Manoppello. 

Addio al Gesuita che studiò il Sacro Velo conservato nella Basilica del Volto Santo Si è spento ieri a Berlino, nella Casa Peter Faber di Kladow, padre Heinrich Pfeiffer, gesuita, già ordinario di Storia dell’arte cristiana alla Pontificia Università Gregoriana, componente della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa e dal 1999 cittadino onorario di Manoppello. Aveva 82 anni. Tra i più autorevoli conoscitori al mondo di arte cristiana, e in particolare della rappresentazione del Volto di Gesù, ha studiato la sacra Sindone di Torino e il Volto Santo di Manoppello, avviando importanti ricerche sin dagli Ottanta sulla reliquia conservata nel pescarese. Fu lui a guidare pioneristici studi sul Sacro Velo conservato dai frati Cappuccini Manoppello, a dimostrare che “Volto Santo è identico alla Veronica romana” e a favorire il pellegrinaggio di papa Benedetto XVI a Manoppello il 1° settembre del 2006. “Ricordo Padre Pfeiffer con grande commozione. Ci conoscemmo proprio a Manoppello, dove venne per la prima volta nel 1986 – ricorda il sindaco Giorgio De Luca – Cordiale, affabile, incline all’ascolto, si fece amare subito non solo per la sua immensa cultura, ma anche per le sue qualità umane. Il suo modo di parlare lentamente, l’argomentare sicuro, lineare e razionale mi rapirono subito. Nel 1999 gli conferimmo la cittadinanza onoraria di Manoppello, ne fu felicissimo perché era davvero entrato a far parte della nostra comunità. Tantissimi i suoi viaggi nella nostra città – racconta ancora De Luca - dove amava soggiornare anche per diverse settimane, l’ultimo solo qualche anno fa, prima di ammalarsi, quando venne a trovare suor Blandina Paschalis, la religiosa trappista che vive in eremitaggio a Manoppello con cui continuava a portare avanti studi sul Sacro Velo. Mi ripeteva sempre “avete un tesoro in mano che prima o poi esploderà con tutta la sua bellezza” e ancora “Il Volto Santo è una sfida alla ragione umana”. Manoppello e la Basilica del Volto Santo – conclude il primo cittadino - sono stati per lui un luogo dell’anima; un posto che raggiungeva non appena i suoi impegni nelle Università di Roma, Berlino e Puebla, in Messico, glielo consentivano. Padre Pfeiffer mancherà a tutti moltissimo. Per ricordarlo mi piacerebbe intitolargli una strada, magari proprio sul Colle dei Cappuccini, dove presto saranno avviati i lavori di riqualificazione funzionale della Basilica del Volto Santo”.

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33210894