Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Martedì, 22 Marzo 2022 10:52

Nel bresciano, trovato cadavere sezionato, una donna 35-50 anni.

Scritto da A.C.

Smembrato in 4 sacchi.

Una macabra storia che sconvolge una piccola comunità.

Nella serata di domenica 20 marzo, in località Paline,  frazione di pochi abitanti del comune di Borno a 70km da Brescia, Lombardia, è stato ritrovato un cadavere, sezionato e occultato in alcuni sacchi di plastica nera.

Risulterebbe molto complicato effettuare l'identificazione per le pessime condizioni del corpo, che sarebbe di una donna, 35-50 anni,. Si ignorano le cause della morte. Non è stato inoltre stabilito il periodo del decesso né quando è stato occultato il corpo.

E' stato rinvenuto da un residente, il corpo nei sacchi abbandonato all'inizio di un burrone, lungo una strada secondaria che collega due valli, la Valcamonica e la Val di Scalve.

Il corpo smembrato in 15 piccoli pezzi, era stato diviso in quattro sacchi, irriconoscibile, il viso risulterebbe bruciato dal fuoco, ci si chiede se prima o dopo il decesso. Le membra si sarebbero mantenute conservate perchè congelate.

Nei sacchi mancherebbero alcune parti del corpo si legge su tgcom. Gli inquirenti lavorano per stabilire l'identità della vittima in base alle denunce di scomparsa presentate di recente in alta Valle Camonica. La persona che ha trovato i sacchi avrebbe visto una mano con smalto viola, come si apprende da Brescia Today.

Un atroce ritrovamento che sconvolge tutta l'Italia.

Indagini in corso da parte dei carabinieri.

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233743