Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 
Martedì, 14 Giugno 2022 20:23

Piccola Elena uccisa con un coltello dalla mamma. Il movente: gelosia del marito.

Scritto da redenz

Il movente, negato dalla donna, è la gelosia per la relazione intrecciata dal padre di Elena con un'altra donna. 

È stata la madre. La piccola Elena Del Pozzo, che nel racconto di Marina Patti sarebbe stata rapita da un commando di uomini armati, è stata uccisa da chi le aveva dato la vita e che ha indicato ai carabinieri dove trovare il corpo. "Non ero in me", ha detto a conclusione della confessione che ha portato al fermo, che dovrà poi essere convalidato. La piccola - hanno affermato i carabinieri di Catania nel corso di una conferenza stampa - è stata uccisa in casa con un coltello da cucina dopo essere stata prelevata all'asilo.

Il movente, negato dalla donna, è la gelosia per la relazione intrecciata dal padre di Elena con un'altra donna. Prima di andare a prendere la bambina a scuola, la donna si è procurata una pala e una zappa e le ha portate sul luogo". Dunque, un omicidio premeditato e studiato in ogni particolare, secondo il pm.

La confessione è venuta ventiquattrore dopo il sequestro che non è mai avvenuto. È stata la donna a indicare dove trovare il corpo, che si trovava in un campo incolto, sulla via Turati, a Mascalucia, nel Catanese. La madre abita in via Euclide che è il proseguimento di via Turati. Dal luogo del ritrovamento alla casa della donna ci sono circa 200 metri.

La donna, separata dal marito, Alessandro Del Pozzo, "stanotte ha subito un lungo interrogatorio e le erano state contestate varie incongruenze. Stamattina ha fatto ritrovare il cadavere - dice all'AGI il procuratore di Catania Carmelo Zuccaro - e adesso stiamo raccogliendo le sue dichiarazioni presumibilmente confessorie". Ai carabinieri la donna aveva raccontato che la bambina, che avrebbe compiuto 5 anni a luglio, sarebbe stata rapita poco dopo avere lasciato l'asilo mentre era con la madre a bordo di un'auto che sarebbe stata bloccata dagli uomini armati. Caricata la bimba su un'altra vettura, sarebbero fuggiti. Nella tarda serata di ieri le autorità avevano diffuso due foto: in una, scattata proprio lunedì, la bambina indossa pantaloncini corti di colore giallo e una maglietta gialla a maniche corte. In un'altra foto, che circolava già sui social e sembra recare la data di una chat dell'8 maggio, la bambina indossa una tuta blu. La bambina è stata uccisa a coltellate.

chiacchiere da ape

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233743