Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 

Mercoledì, 17 Gennaio 2024 16:57

Montesilvano alla Direzione Didattica 115 nuove Sentinelle di Civiltà e Felicità

E’ la volta degli alunni e delle alunne di sei classi quinte delle primarie della Direzione Didattica di Montesilvano di Via Vitello D’Oro e Via Valle D’Aosta che guidate dal Cav. Claudio Ferrante diverranno a breve tante nuove “ Sentinelle di Civiltà e di Felicità”.

Nella cornice del Pala Dean Martin messo a disposizione dall’amministrazione comunale dí Montesilvano e con il patrocinio della Farmacia Canto’ di Montesilvano, Claudio Ferrante ideatore realizzatore di questo progetto ha accompagnato i ragazzi in un percorso di analisi delle proprie emozioni e dei propri comportamenti. Ponendo la felicità come centro e obiettivo del vivere quotidiano di tutti e cercando di apprendere gli strumenti per trovarla anche quando “… Lei si dimentica di noi”, gli alunni hanno poi discusso delle parole da dire e da non dire, delle parole difficili, della discriminazione, del pregiudizio arrivando ad interiorizzare un nuovo modo di concepire la disabilità. Attraverso laboratori empatici e Circle time hanno appreso come la disabilità è una condizione determinata dall’ambiente concettualmente separata dalla malattia che talvolta la determina.

Seduti in carrozzina hanno concretamente messo in atto quanto studiato nell’articolo articolo 1 nella convenzione ONU dei diritti delle persone con disabilità, per partecipare in condizioni di uguaglianza alla società le persone che vivono una condizione di disabilità necessitano di un mondo universalmente accessibile in cui tutte le barriere architettoniche vengano abbattute.

Marciapiedi troppo stretti, scivoli inesistenti, barriere architettoniche disseminate tutte intorno alla scuola hanno fatto comprendere come ci sia ancora molto da fare per consentire a tutti di esercitare i propri diritti. La dottoressa Canto’ non si è limitata a patrocinare il progetto ma ha partecipato attivamente e si è congratulata per il valore pedagogico morale ed empatico di questo percorso ringraziando dell’opportunità. 

chiacchiere da ape