Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 
Lunedì, 07 Marzo 2016 11:39

Pescara vincitore della Coppa Italia di Calcio a 5 Serie A 2016

Scritto da Massimo Iori
Pescara Asti - tiro parato da Pietrangelo Pescara Asti - tiro parato da Pietrangelo foto di Massimo Iori

Il Pescara C5 è riuscito nell’impresa di conquistare la Coppa Italia battendo nella rivincita dell’anno scorso l’Asti campione uscente.

In un palazzetto completo in ogni ordine e grado di posto ai biancoazzurri di Mister Colini non sono bastati i 40 minuti regolamentari e neppure i tempi supplementari per avere ragione degli orange piemontesi, ma si è dovuto arrivare a tiri di rigore.

Fischia l’arbitro inizia la partita: prima azione dell’Asti, tiro di Edgar Bertoni che di sinistro insacca alle spalle di Capuozzo. Doccia gelata per gli abruzzesi in campo e sugli spalti.

Per tutto il primo tempo il Pescara cerca di trovare la via del pareggio con attacchi di Rogerio, Rescia i cui tiri vengono ribattuti da Crema e dal portiere Espindola, di Cuzzolino che non riesce a centrare la porta da posizione molto favorevole. La prima frazione si conclude con l’Asti in vantaggio e il Pescara che non sembra girare come nelle precedenti partite dove è sempre riuscita vincitrice senza dove ricorrere alla lotteria dei rigori come l’Asti.

Nell’intervallo Mister Colini riesce sicuramente a ricaricare la squadra che entra in campo con un piglio diverso.

Se l’avvio è ancora per l’Asti, che va vicino al gol con Romano e Chimanguinho e Capuozzo viene chiamato a interventi degni del portiere campione d’Italia, il Pescara però riesce ad alzare il ritmo e trova il gol con il solito Canal su azione iniziata da Lara.

Poco dopo Chimanguinho viene ammonito dall’arbitro Galante per gioco pericoloso sul portiere, protesta e viene espulso dal campo lasciando i suoi in inferiorità numerica. Il Pescara prova a girare la palla per trovare il varco giusto nella difesa dell’Asti, colpisce un palo con Canal e va vicino al gol con Ercolessi, ma Espindola è attento e la difesa tiene bene fino al ristabilimento della parità numerica dopo i due minuti.

Il Pescara sembra padrone del campo ma Espindola dice no a tutto e si arriva ai supplementari, con i portieri ancora protagonisti sbarrando la saracinesca ai tiri di Grello, Rogerio e Canal da una parte e Duarte dall’altra fino al fischio finale.

Si arriva così ai calci di rigore in serie di tre.

Il Pescara come fatto anche l’anno scorso schiera il secondo portiere, il giovane Pietrangelo, specialista dei calci di rigore, l’Asti rimane con Espindola.

Sul dischetto va prima Crema per l’Asti e Pietrangelo para. Lo stesso fa Espindola su Canal. Segnano invece De Oliveira per l’Asti e Cuzzolino per il Pescara.

E’ il turno di Bertoni e Pietrangelo fa il miracolo e intercetta il tiro.

Ora come nella finale scudetto dello scorso anno è tutto sui piedi di Rogerio che non sbaglia e da inizio alla festa bianco azzurra.

Il Pescara campione d’Italia in carica, dopo aver vinto la Super Coppa, torna a vincere proprio la sfida infinita contro l’Asti, strappandole quella Coppa Italia che l’anno scorso era andata agli orange piemontesi.

Eroe della partita il giovane portiere Lorenzo Pietrangelo, che con la sua aria da guascone impavido è riuscito a parare con grande freddezza e bravura i tiri di campioni di grande esperienza come Crema e Bertoni.

 

Tabellino della gara

PESCARA-ASTI 3-2 d.t.r. (1-1 s.t.s., 1-1 p.t.s., 1-1 s.t., 0-1 p.t.)

PESCARA: Capuozzo, Caputo, Grello, Canal, Rogerio, Ercolessi, Cuzzolino, Rescia, Lara, Leggiero, Pietrangelo, Chiavaroli. All. Colini

ASTI: Espindola, Bocao, Bertoni, Crema, De Oliveira, Follador, Duarte, Nora, De Luca, Romano, Chimanguinho, Casalone. All. Cafù

MARCATORI: 00'10'' p.t. Bertoni (A), 10'17'' s.t. Canal (P)

AMMONITI: Canal (P), Bocao (A), De Oliveira (A), Crema (A), Cuzzolino (P), De Luca (A)

ESPULSO: al 10'34'' s.t. espulso Chimanguinho (A) per proteste

SEQUENZA RIGORI: Crema (A) parato, Canal (P) parato, De Oliveira (A) gol, Cuzzolino (P) gol, Bertoni (A) parato, Rogerio (P) gol

ARBITRI:Alessandro Malfer (Rovereto), Angelo Galante (Ancona), Lorenzo Cursi (Jesi) CRONO: Giovanni Zannola (Ostia Lido)

Ultima modifica il Lunedì, 07 Marzo 2016 11:43

chiacchiere da ape