Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 
Lunedì, 27 Febbraio 2017 18:29

Montesilvano/azzeramento giunta. Orsini "contesto richiesta nel metodo e non nel merito"

Scritto da Red en
Orsini assessore nella giunta Cordoma affianco a Di Donato Orsini assessore nella giunta Cordoma affianco a Di Donato foto Angela Curatolo

#montesilvano2019 chiede al sindaco Maragno azzeramento di giunta, Mauro Orsini: “lo sono d’accordo in parte con il coordinatore di Forza Italia Carlo Masci: ritengo giusto e opportuno che sia il sindaco a scegliere la squadra di governo che deve godere della sua piena fiducia, ma non convengo sul fatto che gli equilibri in giunta debbano essere necessariamente gli stessi per tutta la durata del mandato.”

 

Dopo le richieste del neo gruppo consiliare e le dichiarazioni di Masci, Forza Italia, il consigliere di Montesilvano Protagonista interviene: “Se nel 2014 Forza Italia aveva un peso politico superiore a quello attuale poiché ha perso per strada la metà dei consiglieri eletti nelle sue liste, non necessariamente devono e possono mantenere lo stesso numero di incarichi che avevano all’inizio.”

“ Quella comunale non è una legge elettorale proporzionale, ma è uninominale, ragione per cui l’elettore sceglie la persona scrivendo il suo nome sulla scheda a prescindere dal partito. Quindi se un consigliere entra in un altro partito (restando nella coalizione in cui è stato eletto) potrebbe essere inopportuno ma è legittimo.” Secondo il presidente della commissione Llpp “La palla resta comunque nelle mani del sindaco il quale essendo stato eletto direttamente dai cittadini ha la forza e il potere di decidere se riequilibrare l’assetto in giunta con nomi nuovi presi dai partiti in base alla loro attuale forza numerica (come accade dappertutto e di recente a Pescara), oppure se confermare la fiducia all’attuale giunta senza modificarla."

"La richiesta degli amici di #montesilvano2019 di azzerare la giunta se pur legittima, la contesto nel metodo (dimissioni non volontarie di Paolo Cilli) e non sul merito.”

chiacchiere da ape