Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 

 
 
Sabato, 22 Aprile 2017 18:47

Montesilvano. Orsini chiede di reintegrare Paolo Cilli e "posti chiave" per gli “ex ribelli”

“E’ facile criticare, ora dimostrino il loro valore, passiamo ai fatti per attuare concretamente il programma che ad oggi hanno soltanto urlato”

 

“Se nei giorni scorsi avevo avuto un atteggiamento critico nei confronti dei “ribelli” del centrodestra accusandoli di usare l’arma del ricatto sul voto del bilancio per ottenere poltrone, dopo il voto di ieri a sostegno del Sindaco e l’approvazione del bilancio devo ricredermi ed elogiare il lavoro dei sei consiglieri capitanati da Carlo De Landerset poichè non hanno chiesto posti in giunta ma hanno presentato ed ottenuto la condivisione di un nuovo programma per il rilancio della città.”

Il presidente della commissione lavori pubblici consigliere Mauro Orsini sostiene “Alcuni giorni fa avevo auspicato di sottoscrivere una formula di compromesso sui alcuni punti programmatici e quindi ringrazio tutte le forze politiche di centrodestra per avere esaudito la mia richiesta.”

 

Fa sapere “Ora sarò io a chiedere al Sindaco di prendere atto del nuovo quadro politico e coinvolgere gli ex ribelli nell’azione di governo per dare loro peso e responsabilità secondo il detto 'hai voluto la bicicletta e adesso pedala' (considerato che vogliono zone ciclopedonali).”

 

“Per tale ragione chiedo al Sindaco Maragno di reintegrare subito Paolo Cilli e di concedere posti chiave in seno alla giunta e nelle istituzioni al gruppo degli ex ribelli affinchè dimostrino le loro capacità assumendosi la responsabilità su scelte che hanno imposto e che teoricamente sembrerebbero valide.” Chiosa: “E’ facile criticare, ora dimostrino il loro valore, passiamo ai fatti per attuare concretamente il programma che ad oggi hanno soltanto urlato; su questo punto sono in linea con il segretario Di Costanzo del Pd alla quale però devo ricordare che a causa delle scelte fallimentari del Pd nazionale siamo costretti a gestire i nostri problemi e quelli degli immigrati.”

chiacchiere da ape