Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Visualizza articoli per tag: ambasciatori fame

I suoi genitori erano nati a Popoli in provincia di Pescara. Geremia Mancini – presidente onorario “Ambasciatori della fame” raconta la sua storia.

Filippo “Philip” Antonucci nacque a Hartford, in Connecticut, il 16 giugno del 1919, da Pasquale (nato a Popoli, in via Aurelio Saffi, in provincia di Pescara, il 27 marzo del 1891 – figlio di Donato e Filomena Martocchia) e da Maria D’Amato (nata a Popoli nel 1898). Pasquale, il padre, emigrò alla ricerca del “sogno americano” nel 1909. Giunse ad “Ellis Island” a bordo del piroscafo “Luisiana”. Successivamente tornò in Italia e poi, insieme alla moglie, si stabilì definitivamente ad Hartford in Connecticut. I due ebbero, oltre a “Philip”, almeno altri due figli: Donald (1918-1975) e Eugene (1932-2012). “Philip” si diplomò, nel 1937, alla “William Hall High School. Si arruolò, il 1° ottobre 1939, servendo, prima della guerra, nella zona del Canale di Panama. Filippo “Philip” Antonucci partecipò alla Seconda Guerra Mondiale come tenente pilota Pilota di un “P-47 Thunderbolt”. Era alla sua ventesima azione quando scomparve (stava tornando da una missione di bombardamento in picchiata a Landau in Germania). Fu visto per l'ultima volta nei pressi di St. Avold in France. Come tenente della “Ninth Air Force” gli venne riconosciuto il merito di aver abbattuto tre aerei tedeschi e di aver colpito distruggendoli 19 carri armati tedeschi. Fu insignito della "Air Medal" (riconosciuta per comportamenti meritori in occasione di operazioni aeree) e della prestigiosa “Oak Leaf Cluster”. Una nota descrive meglio il tutto: “Il 04.10.1944 i Thunderbolt del 406th American Fighter Group, di stanza a Mourmelon-le-Grand in Francia, ebbero l'ordine di attaccare la stazione di smistamento di Landau nel Palatinato. Alle 17 circa la formazione si imbatté in una pesante contraerea e in seguito tentò di raggrupparsi. Nel processo Filippo Antonucci fu abbattuto con il suo aereo "Scarsdale Hobo", presumibilmente a causa di colpi di contraerea. L'aereo si schiantò al suolo a Lisdorf-Holzmühle alle 17.40 circa, a 50 m dalla casa di Alois Klein. Antonucci fu sbalzato fuori dall'esplosione dell'impatto e quindi cadde direttamente davanti alla casa di Klein. Il suo corpo era mutilato e bruciato e mancava la testa. Parti del corpo sono state scoperte vicino al relitto. Antonucci fu sepolto nel cimitero della guarnigione di Saarlouis. Ma in realtà non si aveva certezza di chi realmente fosse il pilota. Dopo la guerra Antonucci fu identificato in modo inequivocabile a seguito di una riesumazione e fu rimpatriato nella sua casa nel Connecticut, negli Stati Uniti. Oggi riposa nel “Northwood Cemeter” di Windsor nel Connecticut.

Pubblicato in Eventi

Zopito “Joseph” Nobilio, nel solco dei grandi sarti dell’area vestina, fu responsabile della “sartoria uomo” della “Jordan Marsh & Company “ di Boston.

Pubblicato in Eventi

Il Sindacato e L’Ordine dei giornalisti abruzzesi esprimono il più profondo cordoglio per l’improvvisa scomparsa, avvenuta questa mattina a Milano, di Loredana Ranni, 56anni, caporedattore centrale a “Immagine”,del gruppo Rcs.

Pubblicato in Cronaca

divenne, nel 1971, Deputato della Pennsylvania con il Partito Repubblicano. Geremia Mancini – Presidente onorario “Ambasciatori della fame” ricorda la sua storia.

Pubblicato in Biografie

DOMINGO SALVADOR (Domenico Salvatore)  ZAINO. Ancora oggi in Argentina è ricordato come uno dei più grandi pittori. Era nato il  19 settembre del  1858 a Popoli (PE) da Giuseppe ed Anna Tarquinio. Geremia Mancini - Presidente onorario "Ambasciatori della fame" ricorda la sua storia

Pubblicato in Biografie
Pagina 1 di 2