Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Venerdì, 14 Agosto 2020 19:36

“Al Cenacolo: Francavilla e l’Estate di Michetti”

Scritto da nefer

La musica di Francesco Paolo Tosti e Francavilla Francavilla e la sua vocazione di “città della musica da film” celebrata nel concerto

Lunedì 17 agosto alle ore 21.30 a Piazza San Franco a Francavilla al mare, nell’ambito della manifestazione “Al Cenacolo: Francavilla e l’Estate di Michetti”, si terrà, in anteprima nazionale, il Recital-Concerto “Per amor del mio sogno” con protagonista l’“Orchestra Adriana Lecouvreur” diretta dal Maestro Ernani Catena (che firma anche gli arrangiamenti per orchestra e voci), e la partecipazione della studiosa e attrice dannunziana Franca Minnucci.

Un nuovo emozionante viaggio nella musica tostiana, ideato da Ernani Catena e con l’organizzazione del comune di Francavilla al Mare, celebrerà "il cenacolo" di Francesco Paolo Michetti che a fine Ottocento animava la cultura italiana. Saranno eseguiti alcuni brani composti da Tosti proprio nelle celle del Convento di Michetti: "Ideale", "Il pescatore canta" (vecchia canzone di strada dedicata al figlio di Jorio),  "Luna d’estate" (composta nel settembre del 1911 su testo di Riccardo Mazzola).  «Lo spettacolo intitolato “Per amor del mio sogno” prende spunto da un verso del testo di D’Annunzio scritto per la romanza “L’alba separa dalle ombre”, musicato da Tosti – ha commentato il Maestro Ernani Catena - Tosti amava la città di Francavilla e molte furono le composizioni scritte proprio durante i suoi soggiorni dall'amico Michetti. Ringrazio l’amministrazione comunale per aver voluto realizzare un concerto omaggio ad un grande personaggio abruzzese quale è stato Francesco Paolo Tosti.»  Nel programma del concerto sono presenti brani come "'A vucchella", "Marechiare", "Malìa", "Goodbye", "First Waltz", "Love me", "Never", "Carmela" e alcuni pezzi composti da Catena, tra i quali "Ouverture" dedicata alla città di Francavilla al Mare e alla sua cultura musicale.  Un concerto-recital per il grande compositore abruzzese Tosti al quale, nel 1939, fu dedicato il film “Torna caro ideal” diretto da Guido Brignone con la colonna sonora composta dai brani di Tosti arrangiati dai compositori Guido Albanese e Ettore Montanaro. Un legame speciale tra Francavilla e la musica da film che si affermò con il celebre Alessandro Cicognini (1906-1995), uno dei padri delle colonne sonore a livello internazionale, autore di oltre 300 titoli, tra cui i film Oscar “Ladri di biciclette”, “Sciuscià”, e che lungamente visse a Francavilla al mare; Ettore Montanaro (1888–1962) nato a Francavilla, compositore di molte pellicole con protagonisti Amedeo Nazzari, Silvana Pampanini, Alberto Sordi e autore di musica sinfonica, nonché amico di Michetti; negli anni Sessanta, la tradizione si consolida con Bruno Zambrini, nato a Francavilla nel 1935 e autore di colonne sonore per la saga dei film su “Fantozzi” fino ai recenti “Maschi contro femmine” e “Ex” e compositore di canzoni di successo per Gianni Morandi (“Non son degno di te”, “In ginocchio da te”, “La fisarmonica”) e per Domenico Modugno, Patty Pravo; negli anni Duemila, accanto a Zambrini, debutta come compositore di colonne sonore il Maestro Davide Cavuti, attuale direttore del “Teatro Sirena” di Francavilla, autore di musiche per il cinema e il teatro per i registi Michele Placido, Pasquale Squitieri, Giorgio Albertazzi, Edoardo Leo. «Francavilla ha un legame particolare con la musica da film: – ha dichiarato Gabriele Antinolfi del  “Centro Sperimentale di Cinematografia” di Roma e componente del comitato d’onore del “Premio Cicognini” - accanto ad Alessandro Cicognini, uno dei più grandi compositori che il cinema italiano abbia prodotto, ci sono Ettore Montanaro autore di musiche per film diretti da grandi registi dell'epoca come il Premio Oscar Maurice Cloche; il Maestro Bruno Zambrini, straordinario compositore di colonne sonore e autore di canzoni che hanno fatto la storia della musica italiana nel mondo e il Maestro Davide Cavuti, compositore di cinema  e teatro e regista del film dedicato proprio a Cicognini presentato insieme al "Centro Sperimentale di Cinematografia" alla "Mostra Internazionale d'arte cinematografica" di Venezia nel 2016.»  Ernani Catena, direttore d’orchestra e compositore, appartiene ad una famiglia di numerosi musicisti tra cui spicca il nonno, Gaetano Catena (1867-1944), che fu solista di numerose orchestre e bande musicali della sua epoca, e alla cui memoria è stato intitolato il “Premio Gaetano Catena” assegnato annualmente al miglior interprete musicale della stagione del “Teatro Sirena”. L’ingresso è libero con prenotazione obbligatoria online.