Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Venerdì, 13 Novembre 2020 16:14

Ortona/Covid19. Di Nardo al sindaco: "valutare di chiudere scuola"

Scritto da redenz

"nei mesi passati, con la metà dei casi di contagio rispetto ad oggi, assistemmo ad un vero e proprio accanimento per chiudere l’intera zona di Caldari ed inserirla nella Zona Rossa”.

ORTONA, 13 novembre – “Invito il sindaco Leo Castiglione, alla luce della preoccupante situazione che si sta verificando in alcuni istituti della città di Ortona, in riferimento alla crescente diffusione dei contagi da Covid-19, ad adottare tutti i provvedimenti necessari e a valutare anche l’opportunità di chiudere le scuole”. Così Angelo Di Nardo, capogruppo in Consiglio comunale di Fratelli d’Italia, Lega, lista Libertà e Bene Comune per Ortona.

“Ho ricevuto numerose segnalazioni da genitori allarmati in merito ad una situazione che sembra aggravarsi con il passare delle ore – prosegue Di Nardo - ritengo dunque necessario compiere tutte le necessarie verifiche e, nel caso, spegnere sul nascere ogni focolaio, garantendo la sicurezza degli studenti, delle loro famiglie e di tutto il personale scolastico”. L’esponente del centrodestra ortonese sottolinea che “in altri Comuni più attenti, come Pescara, Treglio e Termoli, sono prontamente scattati dei provvedimenti di chiusura per situazioni di gran lunga meno gravi rispetto a quella di Ortona e l’immobilismo della nostra amministrazione appare incomprensibile anche considerando che nei mesi passati, con la metà dei casi di contagio rispetto ad oggi, assistemmo ad un vero e proprio accanimento per chiudere l’intera zona di Caldari ed inserirla nella Zona Rossa”.

Anche per questo Di Nardo invita “l’amministrazione comunale ad attivarsi con rapidità, efficacia e linearità d’intenti, che sembrano del tutto scomparse, dal momento che il sindaco e la giunta dimostrano di non avere alcuna idea su come affrontare le problematiche innescate dalla pandemia nel nostro territorio e non si degnano neanche di informare il Consiglio comunale di cui, è bene ricordarlo, fanno parte i rappresentanti dei cittadini”.

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
32051193