Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Martedì, 17 Novembre 2020 17:25

Giornata mondiale della prematurità: 1 neonato su 10 nasce prima del termine

Scritto da redenz

L’Ordine delle professioni infermieristiche di Pescara celebra oggi la giornata mondiale della prematurità.

Nel sottolineare il ruolo svolto dagli infermieri delle Neonatologie, l’ordine ricorda che ogni giorno nel mondo circa 15 milioni di bimbi nascono prima del termine (1 neonato su 10) e ben 1 milione non sopravvive. Di seguito la testimonianza di Davide Scarponcini (Terapia Intensiva Neonatale di Pescara):

Il periodo che stiamo vivendo ci porta ad ascoltare, quotidianamente, tristi notizie: nuclei familiari divisi, figli che non possono visitare i loro cari ricoverati perché in isolamento o per via delle limitazioni degli accessi negli ospedali per contingentare il diffondersi della pandemia. In tutte queste storie però non viene mai citata quella parte di popolazione che vive queste difficoltà in una situazione di per sé già molto delicata: le neo-mamme. La nascita del proprio figlio è quell’evento che ogni donna sogna, immagina ed organizza nei minimi particolari, perché è un momento atteso, desiderato e gioioso. Ma non sempre la nascita del proprio bimbo avviene come immaginato. Ci sono bimbi temerari, impavidi, che decidono di venire al mondo ben prima della data presunta del parto, i nostri bimbi prematuri, non a caso definiti “guerrieri”; ed è a loro che il 17 novembre viene dedicata la Giornata mondiale della prematurità. A tutti quei guerrieri che sono stati impazienti di venire al mondo, spesso senza neanche avere le forze per respirare in autonomia e per vedere un mondo che oggi lotta contro un nemico comune per poter assicurare proprio a loro un futuro più roseo di quello che stiamo vivendo. Attorno al prematuro si instaura un mondo, un ecosistema formato da professionisti che cercano di curare la prematurità in tutte le sue sfaccettature, soprattutto quelle familiari. Non dimentichiamo tutti quei genitori o neo-genitori che, positivi al Covid-19, sono impossibilitati a stare assieme ai loro piccoli guerrieri. Un’ assenza pesante.

Nelle Terapie Intensive Neonatali, ogni giorno che passa è un traguardo importante raggiunto, ogni grammo di peso in più è una vittoria da festeggiare insieme, ogni dispositivo di assistenza rimosso è un passo avanti verso il ritorno a casa, il ritorno a quella normalità tanto sognata e tanto attesa. Un ringraziamento allora va a tutti quei professionisti che assistono questi guerrieri e le loro famiglie, che si prodigano tra le mille difficoltà ad abbattere quelle lontananze che forzatamente si creano, utilizzando ogni mezzo a disposizione ed oltre per farli rimanere in contatto: telefonate, foto e videochiamate. Perché gli infermieri e gli infermieri pediatrici che si prendono cura dei prematuri li assistono con grandi competenze, professionalità tecniche, ma anche con grande umanità, sapendo di custodire il più grande tesoro che una madre e un padre possano mai affidarti. I prematuri, il nostro tesoro da proteggere, sono i nostri guerrieri che lottano per guadagnarsi un posto nel mondo, nella società di cui un giorno saranno membri attivi, nel futuro che tutti noi sogniamo essere migliore; ed allora a tutti loro viene dedicata questa giornata, affinché si lavori tutti insieme per mantenere il neonato al centro del futuro.