Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Mercoledì, 02 Dicembre 2020 16:39

Abruzzo/Covid 19. In calo nuovi casi positivi 381, decessi 21.

Scritto da A.C.

4384 test effettuati oggi, più di ieri e erano 396 i casi e 13 decessi.

In attesa del nuovo Dpcm che ridisegnerà i colori delle zone, l'Abruzzo riesce ad avere un calo ulteriore, di pochissimo, dei contagi, confermando le parole del Presidente Marco Marsilio che la regione ha i numeri da zona Arancione.

 Sono complessivamente 28801 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza.

Rispetto a ieri si registrano 381 nuovi casi (di età compresa tra 1 e 95 anni). I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 60, di cui 24 in provincia dell’Aquila, 2 in provincia di Pescara, 15 in provincia di Chieti e 19 in provincia di Teramo.

Il bilancio dei pazienti deceduti registra 21 nuovi casi e sale a 927 (di età compresa tra 59 e 94 anni, 5 in provincia dell’Aquila, 10 in provincia di Teramo, 2 in provincia di Chieti, 3 in provincia di Pescara e 1 residente fuori regione). Nel dato odierno sono compresi 4 casi risalenti ai giorni scorsi e comunicati solo oggi dalle Asl. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 9890 dimessi/guariti (+564 rispetto a ieri).

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 17984 (-204 rispetto a ieri).

Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 419970 test (+4384 rispetto a ieri). 703 pazienti (+6 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 74 (-2 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 17207 (-208 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Del totale dei casi positivi, 9350 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+139 rispetto a ieri), 5513 in provincia di Chieti (+63), 5767 in provincia di Pescara (+53), 7716 in provincia di Teramo (+126), 251 fuori regione (+3) e 204 (-3) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.