Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Venerdì, 11 Dicembre 2020 19:15

Covid 19 in Italia, RT scende a 0,82, 761 morti

Scritto da A.C.

Consiglio di Stato dice sì all'uso dell'idrossiclorochina come terapia per Covid-19 - Monito OMS

 

Sono 18.727 i contagi da coronavirus resi noti oggi in Italia secondo i dati contenuti nel bollettino del ministero della Salute. Da ieri sono stati registrati altri 761 morti che portano il totale a 63.387 dall'inizio dell'emergenza. Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 190.416 tamponi. Il tasso di positività si aggira attorno al 9,8%. Sono 3.265 i ricoverati in terapia intensiva (-26 da ieri), 1.052.163 i guariti (+24.169) e 690.323 gli attualmente positivi (-6.204).

RT scende a 0,82

"Nel periodo 18 novembre-1 dicembre, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è pari a 0,82". Lo sottolinea la bozza del report dell'Istituto superiore di sanità-ministero della Salute con il monitoraggio settimanale dell'epidemia di Covid. Nel precedente monitoraggio l'Rt era a 0.91. "Si riscontrano valori di Rt puntuale inferiore a 1 in 20 Regioni e province autonome. Di queste, 19 hanno un Rt puntuale inferiore a uno anche nel suo intervallo di credibilità maggiore, indicando una diminuzione significativa nella trasmissibilità". "Complessivamente, il numero di persone ricoverate in terapia intensiva è in diminuzione da 3.663 (al primo dicembre) a 3.345 (all'8 dicembre); anche il numero di persone ricoverate in aree mediche è diminuito passando da 32.811 (al primo dicembre) a 30.081 (all'8 dicembre)", si legge. Gli esperti avvertono però che "il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva ed aree mediche supera ancora le soglie critica di occupazione a livello nazionale".

Consiglio di Stato dice sì all'uso dell'idrossiclorochina come terapia per Covid-19

Il Consiglio di Stato dice sì all'uso dell'idrossiclorochina come terapia per Covid-19, purché sia prescritta da un medico, e conferma la decisione dell'Agenzia del farmaco di escludere il farmaco dalla rimborsabilità Ssn. Con l'ordinanza numero 7097/2020, pubblicata oggi, la III Sezione del Consiglio di Stato ha infatti accolto, in sede cautelare, il ricorso di un gruppo di medici di base e ha sospeso la nota del 22 luglio 2020 dell'Aifa che vietava la prescrizione off label (ossia per un uso non previsto dal bugiardino) dell'idrossiclorochina per la lotta al Covid 19.

"La perdurante incertezza circa l'efficacia terapeutica dell'idrossiclorochina, ammessa dalla stessa Aifa a giustificazione dell'ulteriore valutazione in studi clinici randomizzati - si legge nella corposa ordinanza - non è ragione sufficiente sul piano giuridico a giustificare l'irragionevole sospensione del suo utilizzo sul territorio nazionale da parte dei medici curanti".

E ancora: "La scelta se utilizzare o meno il farmaco, in una situazione di dubbio e di contrasto nella comunità scientifica, sulla base di dati clinici non univoci, circa la sua efficacia nel solo stadio iniziale della malattia, deve essere dunque rimessa all'autonomia decisionale e alla responsabilità del singolo medico in scienza e coscienza" e con l'ovvio consenso informato del singolo paziente, fermo restando il monitoraggio costante e attento del medico che lo ha prescritto. L'ordinanza precisa che non è invece oggetto di sospensione (né a monte di contenzioso) la decisione dell'Aifa di escludere la prescrizione off label dell'idrossiclorochina dal regime di rimborsabilità.

Monito OMS

Covid e Natale, monito dell'Oms. "Abbiamo più di 66 milioni di casi di Covid-19 e più di 1,5 milioni di morti, la maggioranza dei casi in Europa e America. Nelle ultime 6 settimane il numero di morti su base settimanale è aumentato di circa il 60%. E la maggior parte dei casi e dei decessi si verificano in Europa e nelle Americhe. Si avvicinano le feste di fine anno, ma la gioia della celebrazione può rapidamente trasformarsi in tristezza senza le giuste precauzioni" contro il virus, ha avvertito il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra. "Per favore, per favore - ha aggiunto accorato il Dg - il dono migliore che possiamo fare e che possiamo farci è: salute, vita, amore, gioia e speranza".

Top News

Menu principale

Statistiche

Visite agli articoli
32036688