Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Giovedì, 18 Febbraio 2021 12:31

Giulianova. Sindaco Costantini diventa leghista.

Scritto da A.C.

Sabato 20 febbraio alle ore 11.00, presso l’hotel Cristallo sul Lungomare Zara n.73 a Giulianova, si terrà un conferenza stampa per ufficializzare l’ingresso del sindaco Jwan Costantini nel partito della Lega.

Interverranno all’incontro con i giornalisti Luigi D’Eramo coordinatore regionale Onorevole della Repubblica, Massimo Casanova europarlamentare, Emanuele Imprudente vice presidente Regione Abruzzo, Luca Danaschi responsabile organizzativo, Vincenzo D’Incecco capogruppo Regione Abruzzo, Pietro Quaresimale assessore regionale ed i consiglieri regionali Emiliano Di Matteo, Tony Di Gianvittorio e Simona Cardinali.

Il "Benvenuto" a Jwan Costantini, sindaco di Giulianova (Teramo), lo ha dato direttamente sul proprio profilo social Matteo Salvini il 15 febbraio, "Cresciamo, da Nord a Sud, e siamo sempre più determinati a lavorare per il bene degli abruzzesi e di tutti gli italiani".

Non solo Salvini in persona anche altri leghisti accolgono con entusiasmo plateale sui social il sindaco.

 

Non tutti sono contenti per questa decisione di Costantini, che vinse le elezioni in una lista civica. Alcuni manifestano il proprio dissenso.

Dall'esterno del Consiglio Comunale Ginesio Picchini, coordinatore m5s Giulianova scrive:

"Abbiamo appreso che dopo tanto peregrinare e qualche porta sbattuta in faccia, il sindaco Jwan Costantini ha quasi certamente trovato ospitalità nel partito di Salvini. Siamo felici per Costantini, che finalmente ha realizzato la sua ambizione di trovare una collocazione ufficiale nel poltronificio del centrodestra abruzzese, basta che questo non avvenga svendendo a poco prezzo la nostra città, e i voti dei giuliesi, che ora si ritroverebbero leghisti a loro insaputa. Il MoVimento 5 Stelle è purtroppo fuori dal Consiglio Comunale di Giulianova, ma ci auguriamo che lo stesso Consiglio non legittimi tutto ciò rendendosi complice di questa aberrazione. Ricordiamo che nei comuni non si formano le maggioranze dopo le elezioni, come avviene in Parlamento; alle elezioni comunali il sindaco viene eletto con un simbolo e un progetto ben preciso, in questo caso civico, e contrapposto proprio a quello della Lega. Giulianova ne aveva viste tante, ma mai nessuno era arrivato a tanto, auspichiamo quindi le immediate dimissioni di Costantini per restituire ai cittadini giuliesi la loro dignità".
Ultima modifica il Giovedì, 18 Febbraio 2021 16:36