Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Venerdì, 28 Maggio 2021 16:11

L'Aquila. Apre il MAXXI, 2milioni per l'avvio del progetto.

Scritto da redemnz

 La mostra Punto di equilibrio: da Toyo Ito a Ettore Spalletti. 

Sold Out per le visite inaugurali dal 30 maggio al 2 giugno Regolare apertura al pubblico da giovedì 3 giugno

L’Aquila, 28 maggio 2021. MAXXI L’Aquila, la nuova sede del MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo ospitata negli spazi barocchi di Palazzo Ardinghelli, sapientemente restaurato dai tecnici del Ministero della Cultura, domenica 30 maggio 2021 apre le sue porte al pubblico con una grande mostra, un programma di visite gratuite su prenotazione e tante iniziative realizzate insieme alle istituzioni del territorio che da subito ne animeranno la vita, tra cui incontri d’artista, attività educative, corsi di formazione, progetti di committenza. Il progetto è stato presentato oggi dal Ministro della Cultura Dario Franceschini, cui si deve la prima felice intuizione di dotare L’Aquila di un polo per le arti contemporanee; Giovanna Melandri, Presidente Fondazione MAXXI; Bartolomeo Pietromarchi, Direttore MAXXI L’Aquila e MAXXI Arte; Margherita Guccione Direttrice MAXXI Architettura; Hou Hanru, Direttore Artistico MAXXI; Pietro Barrera, Segretario generale del MAXXI.

Hanno partecipato: Sergey Razov, Ambasciatore in Italia della Federazione Russa, che ha contribuito con una generosa donazione di 7,2 milioni di euro al restauro del Palazzo; il sindaco di L’Aquila Pierluigi Biondi; il Presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio.

Simbolo della rinascita della città, Palazzo Ardinghelli torna dunque a vivere come nuovo polo del contemporaneo.

Le risorse pubbliche per l’avvio del progetto ammontano complessivamente a 2 milioni di euro l’anno.

Sono inoltre già avviate collaborazioni con partner privati, come Cassa Depositi e Prestiti BPER Banca.

Dice Dario Franceschini, Ministro della Cultura: “ Il sapiente restauro e il nuovo allestimento di Palazzo Ardinghelli, reso possibile anche grazie all’importante contributo della Federazione Russa, diventerà uno dei simboli della rinascita di questa comunità gravemente ferita dal sisma che sta vedendo nell’arte, nella musica e nello spettacolo fondamentali alleati nella ripartenza”.

Commenta Giovanna Melandri, Presidente Fondazione MAXXI: “Oggi siamo qui grazie a una felice intuizione del Ministro Franceschini nel 2014: portare un polo della contemporaneità in un gioiello del barocco italiano e nel cuore di una città ferita. Fu una chiamata istituzionale, a cui abbiamo risposto con responsabilità e onore. L’apertura di MAXXI L’Aquila è un momento molto importante, che abbiamo atteso a lungo e che ci emoziona, un segnale concreto di rinascita attraverso la cultura per questa città meravigliosa e di ripartenza dopo l’emergenza coronavirus. È inoltre la dimostrazione che insieme si può fare! Ringrazio il Ministero della Cultura, la Federazione Russa, Cassa Depositi e Prestiti, BPER Banca, il nostro partner storico Enel che ci accompagna in tutte le iniziative importanti, il sindaco dell’Aquila e il Presidente della Regione Abruzzo. Ringrazio i tecnici che hanno lavorato a questo mirabile restauro, i team che hanno sapientemente curato l’adeguamento museale del palazzo, tutti coloro che con competenza, generosità e passione hanno reso possibile arrivare fin qui. Ora sta a noi far vivere questo laboratorio di futuro insieme con le amministrazioni, l’università, le istituzioni scientifiche e culturali, i centri di studio e ricerca e le associazioni locali. Siamo più di un progetto “per” il territorio, siamo un progetto “con” il territorio. Non una vetrina estranea alla città, alle forze sociali culturali e civili, ma un luogo d’incontro, di scambi e collaborazioni, uno spazio aperto a tutti. Siamo qui per lavorare con la ricchissima comunità artistica, culturale e scientifica dell’Abruzzo, per fare di questo museo un centro di ricerca che, come a Roma, tenga insieme arte, architettura, fotografia e tutti i linguaggi della creatività contemporanea, sperimentando in particolare modo le connessioni tra arte e scienza”.

La collaborazione con le istituzioni del territorio sarà alla base delle politiche culturali di MAXXI L’Aquila. Sono già stati avviati i primi progetti di residenza e committenza d’artista che prevedono, oltre alla produzione di nuove opere, incontri, laboratori, approfondimenti. Con il MunDA – Museo nazionale d’Abruzzo e la sua direttrice Maria Grazia Filetici sono stati avviati i progetti con i Masbedo e Claudia Pajewski che reinterpreteranno in chiave contemporanea alcuni elementi iconici del Castello Spagnolo dell’Aquila, sede storica del Museo che progressivamente tornerà a ospitarlo.

Con il Gran Sasso Science Institute e con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare – Laboratorio del Gran Sasso è in corso la committenza fotografica ad Armin Linke.

Dichiara il sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi: “Cultura e bellezza sono due elementi fondanti della città dell'Aquila, che caratterizzano in maniera strategica il processo di rinascita in atto. L'inaugurazione del MAXXI aggiunge un prezioso tassello al dinamico e complesso mosaico che si sta ricomponendo a seguito del sisma 2009: una realtà inclusiva e originale, in sintonia con l’identità del capoluogo d'Abruzzo. Questa giornata testimonia che la forza propulsiva della cultura non è stata soffocata dal coronavirus".

60 opere tra le più iconiche della Collezione nazionale del MAXXI nella mostra Punto di equilibrio. Pensiero spazio luce da Toyo Ito a Ettore Spalletti a cura di Bartolomeo Pietromarchi e Margherita Guccione Elisabetta Benassi, Stefano Cerio, Daniela De Lorenzo, Alberto Garutti, Nunzio, Paolo Pellegrin, Anastasia Potemkina, Ettore Spalletti dalla Collezione: Alighiero Boetti, Monica Bonvicini, Allora & Calzadilla, Maurizio Cattelan, Yona Friedman, Toyo Ito William Kentridge, Maria Lai, Piero Manzoni, Liliana Moro, Maurizio Nannucci, Giulio Paolini, Pistoletto, Superstudio e molti altri Un progetto di collaborazione internazionale e tra istituzioni per contribuire al rilancio del territorio attraverso la cultura offrendo alla comunità un nuovo spazio di ricerca, libertà e rinascita in programma visite gratuite con mediazione culturale su prenotazione, incontri d’artista, attività didattiche, corsi di alta formazione, progetti di committenza pensati e realizzati con le istituzioni del territorio MAXXI L’Aquila sarà aperto al pubblico dal giovedì alla domenica con ingresso gratuito per gli abitanti di L’Aquila e dell’Abruzzo per tutto il 2021 www.maxxi.art | www.maxxilaquila.art