Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Lunedì, 31 Maggio 2021 10:48

Ricurde di quatrar’ e di paradise. Il "quando eravamo bambini"

Scritto da Luigi Fecondo

Ricordi di bambino e di paradiso di Luigi fecondo.

Il "quando eravamo bambini" evoca senz'altro ricordi indelebili, anche se lontani, alla memoria di ciascun padre che racconta al proprio figlio o del nonno che raccomanda di sé al proprio nipotino, le grandi gesta dei suoi giorni felici e spensierati vissuti dentro il quotidiano paesano di fede, cultura e amor' abruzzese... Ricordi di bambino è un vero e proprio inno alla gioia espresso e vissuto dentro le cose semplici che il borgo di quegli anni ci poteva offrire e, correndo "in mezzo ai canneti, i vigneti, passando tra rovi, fango ed erbacce di ogni sorte; tra spintoni, boccacce e risate, che, sereni e beati, ogni occasione era buona per sorridere alla vita che, in cambio, ci baciava e ci sorriderà fino a farci provare l'indelebile esperienza del paradiso che ancora oggi volendo, possiamo continuare a desiderare e vivere dentro la certezza che il paradiso ha inizio proprio a partire dall'impatto e dal rapporto giudicato con un presente, ovvero da questo mondo e di tutto il creato e l'universo intero....".

Buona lettura e buon ascolto a tutti voi.

Ricurde di quatrar’ e di paradise
1.
Cand' eravam' angore quatrarille,
piene di forz' e senza pinzere,
nghi la cocce piene di grill' e tanda capille,
jiavame sempre currenne.
E da solo, ma pure ngumbagnijie,
li pede sopr' a li anghe tinavame...
E lu fiate, pi la jiurnate, ni' i mangave.
E si dapù, a core nostre na cummissione tinavame,
mbé allore, ca' Dije ci ni libberi...
picché lu ton' i si purtave.
Ca' zisí Cungette o zisí Uttavjie,
'nghi nu solde j'aricumbinzave.
Ma si, coma ricumbenza, nu cunfett' arrivave...
Nu vaffangul' allor, dapù, ci scappave...
2.
Canda passavame pi li viculitt' e li vianove di lu paiselle,
lu trambuste ca' si sindev' e la provile ca' s'arrizzave,
mitteve da subbite in allarme tutti quinde:
Sindiche, Minzignor' e Sacristan' e, soprattutti, li Pittilazze.
Quelle nghi li recchjie gruss' e sempre dritte,
ca' s'infurmave subbite, grazie a lu passaparola di lu quartiere:
[Lu telefene senza costi e cchiù sbrigateve...].
E si dapù, cacche piccate cummittavam' anninz' a cacche vicchiarelle
ca' stav' a fa n'artigianale assittate sopra na sigge di pajie
o sopra li scalette di na casa viva, mbé allor, apriti cielo...
Lu giudizjie universale aggumingiave:
Chi sete li fijie?
Chi va fatt' iscì da la casa?
Chi jate facenne?
 A chi st' ore di lu jiurne, atturn' a foche va det' astà!
Scinbindette sti uaimurte...
3.
Ma pi nu, ni esisteve staggiune.
E currenne da la casa di don Bumbè e pi lu cule di lu forn' e
poi lungo lu strette di lu Barone, dopo avere gironzolato pi tutt' lu paese...
Abballe pi li coste ji'ambalangiavame.
E mezz' a chille cannizze, li capanne,
passando tra rovi, fango e strippajie d'ogni sorte, e fuji' ammiste,
con spintoni, boccacce e risate, che, beati e spinzirati,
bbone bbone ji'arrittravuddavame.
4.
E dopo na jiurnate di tutale cundendezza,
la fam' i ngazzav' a più non posso.
E nghi lu stomche sfinate, arraperte all'universo,
cacchecos' a la casa ariavam' a magná,
ma nghi nu pede, già fore da lu tavuline,
ca' li cumbagna me, a la piazza m'aspittavne...
5.
E mendre li sora me, nziem' a le amichette,
jiucavine a unduetrestella, giro giro tondo e pall'avvelenata,
nu uajiungille, perso l'unico pallone di lu paese,
[Che appartinev' a lu belle filibustere,
che ad un certo punto,
ca' la squadra se aveva perso la partita,
s'ingazzav' e strillenne: "la palla è lu me
e ci jioche sol' ì, si n'iave..."
Allore pijiavame pussesse preme di la piazza
e jiucavam' a sadda muritte.
Dapù invece a nascundene,
di lu paese 'ndere.
E cacche uaimurte di la cumbagnjie,
ca' mo na ricorde proprie lu nome,
li cambanill' acchiappav' a sunà...
Ca' tutt lu paes' e chilla piazz' e
chilli viculitt' e la luna sotta li stell' e
chilli strille di gioji' e di passione,
di bellezza e di amore,
e li vicchiarell' assittet' anninz' a
li case, ariccundà
lu mistere di la proprjia vita
e la jiurnata di fatjie,
il clima e la bell'aria,
ca' simbrav' addavere di sta
dendr' a na sirinata infinita di mezz'estate.
6.
Nzomme.
Jiucavame bbon' addavere a chilli timbe.
Eravamo veramente seri nel giocare.
Eravamo quatrarill' addavere,
nghi lu core puro e senza pinzere,
senza cattiveria e libberi da la paure.
E pi stu semplice mutive,
tuccavame tutti li jiurne lu paradise...
Eravamo in paradiso. Addavere.
Picché lu paradise,
ni è na cosa di l'addre monne,
ma t'acchiappa da quatrare,
dendr'a lu core, da stu mumend' e
t'accumbagnjie pi la vet' indere.
Ji'è nu rigale ca' puteme tuccà
e sindi sole nghi l'anim' e lu core di lu quatrare.
Nghi lu cor' a li dinte dell'apparente incoscienza
ca' sola l'innocenza pura
po' tiné e ti po' dà pi tutta l'itirnitá...
E si 'ngia cride,
pruv' aricurdá.
Luigi Fecondo
*
*
*
Traduzione in lingua italiana.
*
*
*
Ricordi di bambino e di paradiso
1.
Quando eravamo bambini,
pieni di forze e senza pensieri,
con la testa pieni di grilli e tanti capelli,
Andavamo sempre correndo.
E da solo, ma anche in compagnia,
avevamo i piedi sempre nel vento..
E il fiato, per l’intera giornata, non ci mancava.
E se poi, putacaso, a cuore nostro
avevamo una commissione,
Bè allora, che Dio ce ne liberi
Perché il tuono ci si portava.
Che zia Concetta o zio Ottavio,
con un soldo, una mancia, ci ricompensavano.
Ma se, come ricompensa, arrivava un confetto…
Un impropero allora, dopo, ci scappava…
2.
Quando passavamo per i vicoletti e le strade del paesello,
il trambusto che si sentiva e la polvere che si alzava,
Metteva da subito in allarme tutti quanti:
Sindaco, Monsignore e sacrestano e, soprattutti, le pettegole.
Quelle con le orecchie lunghe e sempre dritte.
Che si informavano da subito, in tempo reale,
grazie al passaparola del bocca in bocca.
[Il telefono senza fili, il più veloce..].
E se poi, qualche errore commettavamo
Davanti a qualche vecchietto
Che stava lavorando seduto sopra una sedia di paglia
Oppure era seduto sopra le scalette di una casa abitata,
bè allora, apriti cielo.
Il giudizio universale incominciava:
Di chi siete i figli?
Chi vi fa uscire di casa?
Cosa andate facendo?
A quest’ora del giorno,
attorno a fuoco dovete stare!
Benedetti ragazzi.
3.
Ma per noi bambini, non esistevano stagioni.
E correndo dalla dalla casa di don Pompeo
E per le strade del paese
E poi lungo lo stretto del barone,
ci arrotolavamo sotto le coste del borgo.
Ed in mezzo ai canneti, i vigneti, passando tra rovi.
fango ed erbacce di ogni sorte,
tra spintoni, boccacce e risate,
che, beati e spenseriati,
Ci divertivamo bene bene.
4.
E dopo una giornata di totale contentezza,
la fame si faceva sentire, e con lo stomaco vuoto,
tornavamo a mangiare ognuno nelle proprie case,
ma con un piede già fuori dal tavolino,
che i miei amici, in piazza mi aspettavano.
5.
E mentre le mie sorelle, insieme alle loro amiche,
giocavano a un due tre stella, giro giro tondo e palla avvelenata.
Noi maschietti, perso l'unico pallone del paese,
[Che apparteneva al piagnone che,
non appena la sua squadra perdeva,
stizzito se ne andava gridando:
 "la palla è mia e ci gioco soltanto io…”
A quel punto prendavamo possesso prima della piazza,
giocando a salta muretto.
Dopo prendavamo possesso di tutto il paese,
giocando a nascondino.
E qualche bambino più vivace,
che ora mi sfugge il nome,
incominciava a suonare i campanelli…
Che tutto il borgo e quella piazza e i vicoletti,
e la luna sotto le stelle,
e quelle grida di gioia e di passione,
di bellezza e di amore,
e i vecchietti seduti davanti le proprie case,
a raccontarsi il mistero della propria vita
e la giornata di lavoro,
il clima e la bell'aria,
che sembrava davvero di star dentro
una serenata infinita di mezz'estate.
6.
Insomma.
Giocavamo bene per davvero a quei tempi.
Eravamo veramente seri nel giocare.
Eravamo bambini per davvero,
con il cuore puro e senza pensieri,
senza cattiveria e liberi dalle paure.
E per questo semplice motivo,
toccavamo tutti i giorni, in ogni momento, il paradiso...
Eravamo in paradiso. Per davvero.
Perché il paradino non è cosa dell’altro mondo,
ma ti prende da bambino, dentro il tuo cuore,
da quel preciso momento e ti accompagna per tutta la vita.
E’ un regalo che possiamo toccare e sentire ancora,
ma solo con un animo e un cuore da bambino.
Con il cuore ai denti dell’apparente incoscienza
Che solo l’innocenza può avere
e ti può dare per tutta l’eternità…
E se non ci credi, prova a ricordare..
Luigi Fecondo