Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Sabato, 11 Settembre 2021 19:46

11 Settembre. 20 anni dopo migliaia di persone soffrono gli effetti sulla salute della polvere tossica di Ground Zero.

Scritto da A:C.
cartoon di Marco D'Agostino cartoon di Marco D'Agostino

Manhattan 20 anni dopo l'11 settembre 2001 migliaia di persone che erano lì quel giorno, a partire dai primi soccorritori continuano a sentire effetti sulla salute legati all'attacco terroristico.

Più di 80.000 primi soccorritori sono iscritti al World Trade Center Health Program, un'iniziativa dell'Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro creata ai sensi dello Zadroga 9/11 Health Act del 2010, che fornisce assistenza gratuita a coloro che hanno condizioni di salute legate agli attacchi. Sovrintende alla cura di oltre 30.000 civili sopravvissuti agli eventi di quel giorno, compresi quelli che vivevano e lavoravano nel quartiere e gli studenti delle scuole vicine. Entrambi i numeri sono aumentati negli ultimi dieci anni, con il numero di iscritti al primo intervento che è aumentato di circa il 40% dal 2011 e la popolazione dei sopravvissuti in cura è cresciuta di tre volte dal 2016. Lo si apprende da Upi.

Molti hanno il cancro.

Emergono nuovi casi di cancro tra i sopravvissuti agli attacchi a causa della "latenza" della malattia, secondo la dottoressa Iris G. Udasin, specialista in medicina del lavoro e ambientale.I tumori solidi legati alle esposizioni tossiche impiegano almeno quattro anni per svilupparsi, con la maggior parte che rimane latente da 15 a 20 anni. "A causa della latenza del cancro e di altri problemi di salute, come il diabete e le malattie cardiache, che si sviluppano con l'età, stiamo vedendo sopravvissuti, sani per anni, solo ora entrare nel programma", così Udasin, direttore del WTC Center of Excellence di Rutgers University che con i colleghi prende cura di quasi 5.000 sopravvissuti. "Solo ora si stanno ammalando". Più del 10% dei pazienti trattati a Rutgers ha dichiarato di non avere accesso ad almeno un servizio sanitario necessario nell'ambito del programma WTC, secondo Udasin e i suoi colleghi in uno studio pubblicato all'inizio di quest'anno .

I primi soccorritori e i sopravvissuti soffrono di una miriade di problemi, molti dei quali continuano a influenzare la qualità della loro vita 20 anni dopo, riferisce Mark Farfel, direttore del Registro sanitario del WTC del Dipartimento della salute di New York. Il registro include dati su circa 71.000 primi soccorritori e sopravvissuti, stima che ben 400.000 persone siano state esposte a particelle di polvere tossiche generate dagli attacchi nei soli cinque distretti. "Il disastro dell'11 settembre ha avuto un effetto duraturo sulla salute fisica e mentale di migliaia di sopravvissuti". In una ricerca pubblicata nel 2019, tra i pazienti seguiti, il 15% ha riferito di asma diagnosticata dopo l'11 settembre, il 22% aveva una malattia da reflusso gastroesofageo o reflusso acido, il 14% aveva un disturbo da stress post-traumatico e il 15% riportato depressione.

Quasi la metà di coloro che hanno riportato queste condizioni ne soffriva più di una e molti hanno indicato che la qualità della loro vita è stata compromessa, come mostrano i dati. Anche la perdita dell'udito è comune tra i sopravvissuti.

Lila Nordstrom, che era all'ultimo anno della Stuyvesant High School, appena a nord del World Trade Center al momento degli attacchi, ha avuto asma cronica e reflusso acido, così come rinosinusite - infiammazione del seno - e PTSD negli anni successivi. Questi, insieme a vari tipi di cancro, sono tra le condizioni più comuni vissute dagli iscritti al WTC Health Program. Nordstrom ora lavora con altri che erano studenti a Stuyvesant l'11 settembre per aiutarli a connettersi con l'assistenza sanitaria. "Il World Trade Center Health Program ha aiutato così tante persone, ma molti altri scoprono che non possono accedere ai suoi benefici perché soffrono di condizioni non coperte dal programma". Ciò include i disturbi autoimmuni che sono stati collegati al disturbo da stress post-traumatico, in particolare nelle donne; Nordstrom ha scritto un libro sulle loro esperienze chiamato Some Kids Left Behind. Molti dei suoi compagni di scuola continuano ad avere problemi che vanno dall'emicrania ai tumori del sangue e della tiroide. "Ci sono centinaia, se non migliaia, di persone - sopravvissute - che sono essenzialmente lasciate sole".

Helaina Hovitz Regal, che 20 anni fa frequentava le scuole medie a Lower Manhattan e viveva nel quartiere, ha avuto PTSD e soffre ancora di emicrania cronica. "Quando pensiamo ai sopravvissuti all'11 settembre, spesso pensiamo a coloro che soffrono di problemi di salute fisica, ma accanto a loro ci sono anche persone che vivono con problemi di salute mentale incredibilmente dolorosi", prosegue Hovitz Regal. "La salute mentale e la salute fisica sono strettamente connesse e ciò che può verificarsi insieme allo stress e all'ansia di vivere con il disturbo da stress post-traumatico sono problemi fisici... che possono avere un grave impatto sulla qualità della loro vita". Anche Hovitz Regal ha pubblicato un libro di memorie intitolato After 9/11: One Girl's Journey Through Darkness to a New Beginning , lavora anche come difensore delle persone che lottano con la loro salute mentale dopo essere sopravvissute agli attacchi.

Sfide sanitarie in corso

Circa il 2% dei primi soccorritori coperti dal WTC Health Program ha lavorato al Pentagono e a Shanksville, in Pennsylvania, dove altri aerei dirottati dai terroristi si sono schiantati, uccidendo tutti a bordo. Il programma copre vari tipi di cancro e malattie delle vie aeree e respiratorie legate all'esposizione alle tossine nel sito, nonché problemi di salute mentale e, per i primi soccorritori, problemi muscoloscheletrici come la lombalgia. Al 30 giugno, i sopravvissuti di età pari o inferiore a 35 anni rappresentano l'1% degli iscritti al programma, mentre quelli di età compresa tra 35 e 44 anni costituiscono il 2%. Più della metà degli iscritti sono attuali o ex primi soccorritori di età compresa tra 45 e 64 anni, il che significa che avevano dai 25 ai 44 anni al momento degli attacchi. Quasi un terzo dei sopravvissuti arruolati nel programma ha disturbi digestivi legati agli attacchi, mentre a un quarto di loro sono stati diagnosticati tumori collegati. Fino al 30% degli iscritti al programma soffre di molteplici condizioni di salute legate agli attacchi. Le forme più comuni di cancro tra i sopravvissuti includono prostata, seno, pelle, tiroide e polmone, in base ai dati del programma. Insieme, più di 3.000 dei primi soccorritori e sopravvissuti con questi tumori e malattie polmonari e digestive arruolati nel programma sono morti. "Gli effetti sulla salute degli attacchi dell'11 settembre sono ancora molto reali per molte, molte persone", fa sapere Farfel, del registro sanitario del WTC di New York City. "E, con il passare degli anni, questi effetti sulla salute continuano ad avere un grande impatto sulle loro vite e sui loro bisogni sanitari".

Ultima modifica il Sabato, 11 Settembre 2021 20:09

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33036655