Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Venerdì, 26 Novembre 2021 18:41

Knà, da Giulianova a Ripatransone, in scena al Teatro “Luigi Mercantini”

Scritto da redenz
Knà, da Giulianova a Ripatransone, in scena al Teatro “Luigi Mercantini” Foto di scena: Gianni Caprioni

Grande successo per lo spettacolo teatrale andato in scena domenica pomeriggio 21 novembre 2021 nell'incantevole Teatro Luigi Mercantini di Ripatransone, in provincia di Ascoli Piceno.

L’Associazione Culturale Knà, di Giulianova, in provincia di Teramo, in collaborazione e con il Patrocinio del Comune di Ripatransone, è andata in scena con lo spettacolo “L’isola delle Scimmie”, liberamente tratto dall’ omonima favola in tre atti di Luigi Antonelli, drammaturgo abruzzese dallo stile “grottesco”, con omaggio a Mattia Torre. Dopo il successo ottenuto il 07 agosto, nella suggestiva cornice di Piazza Buozzi a Giulianova Alta e il 2 e 3 ottobre, in occasione del Festival "Approdo", nel Teatro Kursaal di Giulianova Lido, gli attori Knà sono invitati ad esibirsi nel meraviglioso Teatro Luigi Mercantini, restaurato da poco e restituito alla cittadinanza più bello che mai.

Il numeroso pubblico è stato catapultato in un’ atmosfera surreale e profonda, caratterizzata da un totale coinvolgimento. “Signori! L’amarezza di questa favola che vi preparate ad ascoltare mi ha indotto a rivolgervi alcune parole prima ch’io divenga una scimmia.” Una tribù di scimmie di un’isola “dall’aspetto eterno” entra, suo malgrado, in contatto con la civilta' umana e ne subisce l’influenza sofisticata, meschina, esibizionista. Da uno stato di completa libertà, nella quale le scimmie potevano soddisfare tutti i loro istinti e pulsioni senza percepire il senso di colpa, passano ad uno stato di servitù imposto dalla morale e dal codice borghese. Desiderose di conoscere fino in fondo il sapore della “civiltà” e presentandosene la possibilità, fanno entrare in scena figure umane che diventeranno i loro insegnanti di buone maniere dell'anima e del corpo, d'amore e di pudore. Ma l'unico insegnamento che può dare l'uomo avvelenato dalla civiltà, a degli esseri puri, e' l'insoddisfazione, l'infelicità e conseguentemente il dolore. Magistrale la drammaturgia e la regia di Giuliana Cianci e Francescomaria Di Bonaventura, stupefacente il trucco delle scimmie di Michela Spinozzi e del suo collaboratore Lorenzo Di Silvestre, eccezionali le performances degli attori: Andrea Mondozzi, Chiara Bianchini, Federico Caprioni, Alessandro Carincola, Salvatore Citzia, Piera Di Bonaventura, Luigi Di Bonaventura, Giorgia Di Donato, Lorenzo Di Donato Serena di Rocco, Marco Nazionale, Michela Spinozzi, Moira Vespasiani, Jacqueline Walsh. Tanti spunti di riflessione sull’uomo e sulle conseguenze dei suoi comportamenti.

“Si è trattato di una grande lezione morale” – ha dichiarato l’Assessore alla Cultura e all'Istruzione Stefania Bruni – “di cui tutti abbiamo assolutamente bisogno, soprattutto in questo periodo storico caratterizzato dal degrado dei valori fondamentali”.

Ultima modifica il Venerdì, 26 Novembre 2021 18:44