Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Martedì, 07 Dicembre 2021 16:37

Appuntamenti nel teramano di arte e musica.

Scritto da P.V.

Atri, Civitella del Tronto e Giulianova, concerti e arte.

Giulianova, mostra Alberi viventi dell’artista Paolo Sacchini

Il prossimo 11 dicembre, a partire dalle ore 17 e sino alle 19, verrà inaugurata a Giulianova, in via Marconi 50/52, la mostra “Alberi viventi” dell’artista Paolo Sacchini. L’albero per Sacchini è un vivido richiamo alla natura, alla vita e all’arte. Una percezione di forme e sensazioni di vita vissuta strettamente connessa con il trascorrere del tempo, il variare delle stagioni, la luce e i colori: da cui, appunto, “Alberi viventi”. La mostra, allestita nello studio dell’artista, propone diverse specie di alberi e piante che sono rappresentate con perizia tecnica e cura dei particolari, dalla morbidezza dei pastelli a olio che lasciano il segno, visibile e invisibile. L’esposizione, inizia dall’immagine completa dell’albero, dal segno inconfondibile della sua struttura: la dimensione e la forma del fusto, l’innesto delle ramificazioni e la loro angolatura rispetto al tronco, la loro frequenza e grossezza; la trama e l’intreccio dei rami; il modo in cui le foglie, intere o frastagliate, brillanti o scure, minute o grandi, compongono una chioma a sua volta compatta, luminosa, tondeggiante o irregolare. In tale ambito il disegno iniziale permette di cogliere e sintetizzare questi tratti distintivi dell’albero del suo vissuto, accrescimento, comportamento diverso secondo il clima, dell’esposizione, della natura del terreno, distinguendosi l’uno dall’altro per caratteristiche di ogni singola specie che, con il variare delle stagioni e della luminosità durante la giornata né determina la sua cromia prevalente.

La mostra sarà visitabile sino al 30 dicembre, in via Marconi 50/52 a Giulianova, dalle ore 16 alle 19 (esclusi i giorni del 24, 25 e 26 dicembre).

Atri, concerto di Alex Ricci

Sabato 11 Dicembre alle ore 21,30 sul palco del Teatro Comunale di Atri, prenderà vita l’ultimo disco del chitarrista abruzzese Alex Ricci (in uscita il 3 Dicembre su tutte le piattaforme digitali) dal titolo “La Verità”. Il Concerto di presentazione dell’11 Dicembre è il momento più importante di questo lungo viaggio musicale: l’incontro con il pubblico. Reso ancora più speciale dalla presenza di alcuni degli artisti che hanno partecipato a questo progetto. Saliranno infatti sul palco, insieme alla band (Luca Mongia, Nick Di Donato e Fabrizio Ginoble) anche special Guest come Puccia (Aprés la Classe) Carmine Tundo (La Municipal) 2 Moellers e Rocco Ferri. L’evento, organizzato dall’Associazione Otis Redding, con la collaborazione di Idea Sonica, Stitch.Studio, Terrateatro, CulTurA’ e con il contributo del Comune di Atri, sarà il culmine di un lungo percorso di ricerca, di scrittura e di importanti featuring (Erica Mou, Carmine Tundo, Aprés la Classe, Corey Harrys, 2Moellers) che hanno reso il disco unico e prezioso. L’Album è edito da Cosmica / Freecom Music ed è stato prodotto da Raffaele "Rufio" Littorio (chitarrista di Achille Lauro, Emma, Fedez) L’ingresso è consentito esclusivamente ai possessori di Super Green Pass Costo biglietti: Platea € 11 - Primo e Secondo ordine € 8 - Terzo ordine e Loggione € 5,50 Link per acquistare i biglietti sulla piattaforma oooh.events https://oooh.events/evento/alexricci-biglietti/

Civitella del Tronto, alla Fortezza la collettiva degli artisti di Zona Arte

Civitella del Tronto. Verrà inaugurata domenica 12 dicembre alle 15, nella Chiesa di San Giacomo alla Fortezza di Civitella del Tronto, la collettiva degli artisti di Zona Arte, a cura del critico d'arte e letterario Massimo Pasqualone, che interverrà all'inaugurazione con il vicesindaco di Civitella del Tronto, Riccardo De Dominicis. Mara Carusi, direttrice della scuola, spiega il progetto artistico: "come docenti della scuola d'Arte denominata, ZONA ARTE, possiamo affermare che è sempre una grande felicità è responsabilità conferire la propria conoscenza in momenti di autentica vita con esseri speciali quali sono gli alunni. Perché nonostante l'apparente evidenza di un mondo in declino, crediamo sempre nella bellezza. Siamo altresì convinti che solo l'etica progettuale degli intenti, l'onestà e il nutrimento degli ideali, possono creare la propria e la felicità altrui. Il futuro esiste solo se lo creiamo noi e ciò che sta pericolosamente scomparendo, non sono le risorse materiali, ma quelle cose preziose che sono racchiuse nella conoscenza umanistica di noi stessi e solo attraverso il recupero delle arti e degli antichi mestieri, nel dare ossigeno alla vera cultura, incoraggiando i veri talenti e il professionismo, si possono creare presupposti per un vero futuro. Crediamo nel rigore professionale e nella disciplina, come resettamento meritocratico di una civiltà che inversamente andrebbe in direzione di imbarbarimento iconoclasta". "Zona Arte- sottolinea il critico Pasqualone - è l'unica scuola d'arte che abbraccia tutta la vallata del Fino, un piccolo miracolo nato alcuni anni fa per imparare il "mestiere" di pittore, proprio come nelle antiche botteghe. Un processo alchemico-spirituale che permette di tirare fuori le abilità in ogni essere umano. Usa processi sperimentali per poi riporli attraverso un metodo funzionale, tutto questo con amore e passione". Fino al 15 gennaio saranno in mostra Giuseppina Lena, Monica Sichetti, Claudia Scardetta, Clementina Fenile, Silvana Altigondo, Simonetta de Sanctis, Manola Giancola, Franca Silvetti, Matilde Ferretti, Vilma Bandini, Tiziana Palusci, Teresa Minali, Eleonora Siniscalchi.