Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Giovedì, 23 Dicembre 2021 17:03

Covid/Omicron. I dati mettono in allerta Italia e mondo.

Scritto da A.C.

Le persone che si sottopongono alla terza dose di vaccino hanno un rischio di morte per Covid-19 del 90% più basso rispetto a chi si è fermato alla seconda dose. È quanto emerge da uno studio coordinato da ricercatori del Clalit Health Services di Tel Aviv pubblicato sul New England Journal of Medicine.

Impennata, in 7 giorni, di nuovi contagi e morti da Covid in Italia. Crescono anche i ricoveri e le terapie intensive così come i casi attualmente positivi e le persone in isolamento domiciliare. E' quanto emerge dal monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe nel periodo 15-21 dicembre. In dettaglio, rispetto alla settimana precedente, si registrano 177.257 nuovi contagi (+42,3%); 882 morti (+33% con una media di 126 al giorno rispetto ai 95 della settimana precedente), di cui 45 riferiti a periodi precedenti; 149 ricoveri in terapia intensiva (+17,3%); 1.218 ricoverati con sintomi (+17%); 85.383 persone in isolamento domiciliare (+29,5%) e 86.750 casi attualmente positivi (+29,2%).

In Italia divieto di eventi all'aperto fino al 31 dicembre, durata ridotta a 6 mesi del Green Pass e l'obbligo in tutta Italia delle mascherine all'aperto e dell'uso di Ffp2 ad eventi, spettacoli e sui mezzi di trasporto.

Sono queste, secondo quanto si apprende, alcune delle misure esaminate nella Cabina di regia sulle nuove misure di contrasto al Covid alla luce della variante Omicron che si è svolta a Palazzo Chigi. Per consentire il ritorno in classe in sicurezza alla fine delle vacanze di Natale potrebbe esserci uno screening straordinario degli studenti.

E' una delle ipotesi, secondo diverse fonti, che sarebbe emersa nel corso della cabina di regia sul Covid e che dovrà essere decisa dal Consiglio dei ministri dopo che nella conferenza stampa di fine anno il presidente del Consiglio Mario Draghi ha escluso il prolungamento delle vacanze e ribadito che si farà di tutto per evitare la Dad. Ad occuparsi dello screening, dicono sempre le fonti, dovrebbe essere il commissario per l'emergenza Francesco Figliuolo. Inoltre il governo starebbe valutando l'introduzione dell'obbligo di vaccini per tutta la Pubblica amministrazione (ma una decisione sarà presa anche alla luce del confronto con le Regioni), l'ipotesi di calmierare i prezzi delle Ffp2 e la riduzione a 4 mesi dei tempi per la terza dose.

Si valuta l'estensione del Green pass rafforzato a piscine, palestre, centri termali e benessere, ma anche per le sale da bingo. Una nuova discussione sulle misure di contrasto al Covid, in vista del Consiglio dei ministri, dovrebbe essere fatta in cabina di regia alle 15. Lo si apprende da fonti di governo, secondo le quali diverse misure sarebbero ancora aperte perciò la cabina di regia di stamane si è chiusa con l'intesa di riparlarne nel pomeriggio.

Questi in dettaglio alcuni delle misure affrontate:

Green pass durerà sei mesi dal 1 febbraio

Il Green pass dovrebbe durare sei mesi dal primo febbraio.

Mascherina Ffp2 in cinema, eventi sport, mezzi trasporto.

Viene previsto l'obbligo di mascherine all'aperto anche in zona bianca e viene introdotto l'obbligo di FFP2 in cinema, teatri e per eventi sportivi, nonché sui mezzi di trasporto, anche TPL.

Fino a 31/1 Super Green pass ristoranti anche al banco

Fino al 31.01 si prevede l'estensione dell'obbligo di green pass rafforzato (2G solo per vaccinati e guariti) alla ristorazione al chiuso anche al banco. Inoltre, si vieta il consumo di cibi e bevande, al chiuso, in cinema, teatri e per eventi sportivi.

Riduzione tempi per terza dose da 5 a 4 mesi

 Con ordinanza del ministro della salute il periodo minimo per la somministrazione della terza dose sarà ridotto da 5 a 4 mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario. Si attende però sul punto un approfondimento tecnico, che coinvolgerebbe anche l'Aifa. 

Feste all'aperto vietate fino al 31 gennaio

Fino al 31 gennaio sono vietati eventi e feste che implichino assembramenti all'aperto. E' uno dei punti sui quali si sarebbe trovato un accordo nella cabina di regia anche con l'obiettivo di uniformare le misure in tutta Italia visto che alcune regioni e sindaci si erano già mossi in questa direzione

Prezzi calmierati per mascherine Fpp2 - Il governo valuta l'introduzione di prezzi calmierati per la mascherine Fpp2, dopo l'introduzione dell'obbligo nei cinema, teatri, eventi sportivi e mezzi di trasporto. A quanto si apprende, la proposta sarebbe stata sostenuta da Fi e Iv, che avrebbe chiesto di calmierare i prezzi in particolare per gli studenti.

Obbligo vaccini per la Pa - Il governo valuta l'introduzione dell'obbligo di vaccini per tutta la Pubblica amministrazione. Lo si apprende da diverse fonti dell'esecutivo al termine della cabina di regia sul Covid. La valutazione sarebbe ancora in corso e una decisione sarà presa anche alla luce del confronto con le Regioni.

Per feste e discoteche a Capodanno 3/a dose o tampone 

Per poter partecipare ad una festa in un locale o per andare a ballare in discoteca tra il 28 e il 31 dicembre bisognerà aver fatto la terza dose del vaccino oppure avere l'esito negativo di un tampone se si è ancora in attesa del booster. Sarebbe questo l'orientamento emerso dalla cabina di regia sulla questione dei tamponi per i vaccinati anche se una decisione definitiva, spiegano diverse fonti, sarà presa in Cdm. 

Discoteche sul piede di guerra. "A queste condizioni non si aprirà. A Capodanno, così, non possiamo aprire", dice all'ANSA il presidente del Silb, sindacato dei locali da ballo Emilia-Romagna Gianni Indino, sull'ipotesi di norme per l'accesso alle discoteche solo dopo aver fatto la terza dose o con l'esito negativo di un tampone. "Per noi Capodanno vuol dire il 15% della stagione, era l'ossigeno per mantenerci in vita. E' la pietra tombale". Chiediamo di fare slittare le norme dal 2 gennaio e poi vediamo di metterci tutti insieme a trovare un sistema". E' un provvedimento "miope, chiude la notte corretta, controllata e favorisce il proliferare degli abusivi".

Intanto Pisa annulla i festeggiamenti. "Ci abbiamo provato a regalare alla città un San Silvestro sereno ma con i contagi in rapida risalita non ci sono più le condizioni per garantire spettacoli sicuri, e per questo abbiamo deciso di annullare il concerto gratuito di Antonello Venditti in piazza dei Cavalieri e tutti gli altri festeggiamenti pubblici". Così il sindaco di Pisa, Michele Conti, durante la tradizionale conferenza stampa prenatalizia. "Abbiamo annullato anche i fuochi d'artificio - ha spiegato - per evitare di favorire qualunque situazione di pericolo legata ad eventuali assembramenti."

Lombardia resta in zona bianca. I dati del monitoraggio settimanale confermano, anche per la prossima settimana, la zona bianca per la Lombardia. Lo annuncia il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, commentando i dati del monitoraggio settimanale che domani saranno analizzati dalla cabina di Iss e Ministero della Salute.12.955 casi in Lombardia, record da inizio pandemia, per un tasso di positività in crescita del 6.2% (ieri 5,7%).

Cosa accade fuori Italia? 

Israele ha registrato nelle ultime 24 ore il più alto numero di nuove infezioni giornaliere da 2 mesi: 1.400. Si decide verso la quarta dose.

Gli Stati Uniti potrebbero registrare 140 milioni di nuovi casi di Covid fra l'1 gennaio e l'1 marzo a causa di Omicron, con un picco a fine gennaio di 2,8 milioni di contagi al giorno. E' quanto emerge da uno studio della University of Washington, che prevede circa 3 miliardi di nuovi casi nel mondo nei prossimi due mesi con il picco a metà gennaio di 35 milioni di casi al giorno.

Notizia da Washington, la Food and Drug Administration statunitense ha dato il via libera alla pillola antivirale per il Covid della casa farmaceutica Merck. Ieri era arrivato il disco verde per la pillola di Pfizer.

La Francia avanza spedita verso la trasformazione dell'attuale "pass sanitario" in "pass vaccinale", una sorta di 'Super Green Pass' alla francese. Dopo il previsto via libera nel consiglio dei ministri straordinario fissato per lunedì prossimo a Parigi, il progetto di legge verrà esaminato mercoledì in commissione, all'Assemblea Nazionale e il ministro della Salute, Olivier Vèran, verrà interrogato il giorno stesso dai deputati. Dinanzi alla quinta ondata del coronavirus e all'arrivo della variante Omicron, l'attuale amministrazione del presidente Emmanuel Macron ha annunciato il 17 dicembre scorso la trasformazione del pass sanitario in pass vaccinale. L'entrata in vigore era inizialmente prevista entro fine gennaio ma vista l'urgenza della situazione, l'obiettivo è ora di adottarlo "entro i primi quindici giorni del mese di gennaio". Vista l'ostilità di imprenditori e parti sociali, il progetto non sembra includere al momento l'obbligo per i lavoratori dipendenti, contrariamente a quanto già avviene in Italia.

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33210844