Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Giovedì, 17 Febbraio 2022 18:44

Montesilvano/Via Roma. "Troppo immobilismo. Basta con gli annunci e inutili passerelle. Si intervenga al più presto."

Scritto da redenz

Pd e M5S: Sindaco non si presenta in commissione vigilanza.

"Avremmo dovuto discutere di Via Roma ma per l'ennesima volta, il Sindaco non si è presentato (né ha delegato altri) in commissione vigilanza e non ha in alcun modo giustificato la sua assenza – fanno sapere i consiglieri di minoranza del PD, Antonio Saccone e Romina Di Costanzo - e M5S – Gabriele Straccini e Giovanni Bucci - nella conferenza stampa odierna."

"La riunione era stata convocata, su richiesta di molti componenti della Commissione, sia di minoranza che di maggioranza, per avere informazioni circa la destinazione della strada, completata ormai da oltre un anno e mezzo ma per la quale non vi è ancora nessuna indicazione politica relativamente al fatto che sarà un'area pedonale o transitabile al traffico."

“L'assenza del Sindaco, insieme a quella del Comandante della polizia municipale – dichiara il Presidente della Commissione di Vigilanza, Antonio Saccone (PD) - denota un'evidente mancanza di considerazione per la cittadinanza, su una tematica peraltro di grande interesse ed impatto: erano infatti presenti alla fine della riunione anche alcuni cittadini che volevano essere informati sugli esiti, ai quali purtroppo non si è potuto riferire altro che dell'assenza del Sindaco e, di conseguenza, dell'impossibilità di fornire risposte concrete e precise. Nella riunione della commissione, che si è comunque tenuta per cercare di dare un contributo fattivo all'attività amministrativa, oltre ad emergere l'assenza totale di informazione e di conoscenza nel merito da parte di tutti i componenti, sia di maggioranza che di opposizione, si è altresì appurato che non esiste alcun progetto specifico né di massima circa gli intendimenti dell'Amministrazione per questa arteria fondamentale per la città. Noi continueremo nella nostra opera di stimolo e di sollecitazioni per chi deve amministrare la città, ma registriamo muri continui, cui però non fanno seguito attività amministrative concrete. Nemmeno si colgono spunti che vengono dalle minoranze per attivare un qualche momento di riflessione e per agire in conseguenza. Vogliamo denunciare questa paralisi amministrativa e la totale mancanza di interazione da parte della maggioranza con le minoranze, che comunque sono portatrici di interessi diffusi dei cittadini”. “Ancora una volta il Sindaco – dichiara Giovanni Bucci (M5S) - disattende l’invito in commissione per relazionare sul futuro della vicina Via Roma. Non è la prima volta che questo accade; anzi, troppo spesso ormai, vengono disattesi gli interventi degli invitati, così come troppo spesso le risposte vengono anticipate a mezzo stampa. Questo è un modo di sottovalutare e di depauperare del suo “potere” l’organo di commissione, preposto per una sua missione specifica. Chiediamo a gran voce che si restituisca il giusto valore alle commissioni e che esse sia aperte al pubblico, affinché i cittadini come uditori possano prendere parte alle scelte pubbliche della loro città”.

“Siamo alle solite – aggiunge il Capogruppo M5S, Gabriele Straccini – si naviga a vista: non c'è un piano regolatore né un piano del traffico e tutto è rimesso all'improvvisazione momentanea di qualcuno che dice qualcosa. Una maggioranza completamente disomogenea: nemmeno il recente rimpasto di giunta è servito a migliorare un minimo l'azione amministrativa che purtroppo è del tutto inesistente. Per quanto attiene a Via Roma, è bene che si mantenga la sua pedonalità, visti gli investimenti fatti. Una strada completamente riqualificata e chiusa al traffico, panchine e cestini nuovi. Ma anche saracinesche abbassate, cantieri e vecchi edifici abbandonati, e i pedoni che durante l’arco della giornata si contano sulle dita di una mano. A ciò si aggiunge, l’abbandonato da anni del palazzo in costruzione, diventato con il tempo un luogo insalubre, mal frequentato e pieno di rifiuti, così come un altro paio di proprietà che, a loro volta, da troppo tempo ormai sono abitate solo da piccioni e insetti, con buona pace dei residenti della zona che più volte hanno sollevato il problema. La situazione va risolta al più presto”. “Montesilvano – conclude la consigliera dem Romina Di Costanzo - è in balia di un imperdonabile immobilismo: le scelte vengono affidate alle circostanze del momento, senza una visione strategica di città; l’azione amministrativa è ferma al palo: le delibere di giunta sono rare e conseguentemente i consigli comunali. E l’impasse di Via Roma riflette questa inerzia. Una via, ormai completata da tempo, tenuta ancora ostaggio da un’Amministrazione che temporeggia sul suo destino. Nelle recenti esternazioni del Sindaco affidate alla stampa, anziché in commissione (peraltro non suffragate da alcun progetto), il primo cittadino si meraviglia della nostra “fretta” e rimanda a tempi incerti, nell’attesa di poter riqualificare prima C.so Umberto. Sono anni che sentiamo parlare di riqualificazione del corso. Già dal 2018 si parlava di restringimento della carreggiata del corso, proposta dall’arch. Tarricone e in seguito annunciata più volte dall’allora assessore Aliano come imminente, proprio come il nuovo piano regolatore della città, il piano parcheggi e la riqualificazione del lungomare. Nel frattempo, la strada è pedonale ma senza pedoni, commerciale ma senza negozi, centrale ma con numerosi edifici abbandonati e degradati come lontana periferia e, per di più, viene invasa da auto in sosta, nell’impossibilità da parte della Polizia Locale di effettuare anche gli interventi di rimozione, mancando di adeguata segnaletica. Sul tema, già nel novembre scorso, in una commissione lavori pubblici, avevamo sollecitato l’Amministrazione; nel frattempo, sono trascorsi diversi mesi e non si è venuti a capo di nulla. Non è più accettabile una situazione simile. Trattandosi di una via priva di una funzione di connessione primaria, su cui tra l’altro sono state investire ingenti somme di denaro pubblico per la sua pedonalità, è giusto che venga perseverata questa scelta ma nella maniera più celere possibile. Data la sua posizione strategica, la via potrebbe risvegliare l’anima di un centro di cui la città è sprovvista e che da tempo reclama, invogliando investitori, attraverso una sorta di zona franca urbana con esoneri contributivi ed agevolazioni fiscali e accogliendo attività ricreative o mercatali permanenti che conferiscano vitalità ad un centro ancora da costruire”.