Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 
Giovedì, 07 Aprile 2022 12:38

Nuova Pescara. Nino D'Annunzio su Delibera G. M. 259: accentuazione della fusione, atti che invertono la direzione

Scritto da redez
Nino D'Annunzio e sala consiliare di Pescara. Nino D'Annunzio e sala consiliare di Pescara. credit Angela Curatolo

L'Atto dichiara espressamente che 'il processo di fusione, istitutivo di Nuova Pescara, è ormai ineludibilmente tracciato' e ciò "costituisce una novità per la quale ora attendiamo analoghi provvedimenti da parte dei Comuni di Montesilvano e Spoltore

"Non possiamo non esprimere soddisfazione per la accentuazione che la Delibera G. M. 259 del 01/04/2022 del Comune di Pescara ha impresso al processo di fusione verso la cosiddetta Nuova Pescara. " Sono le parole di Nino D’Annunzio per Verso Nuova Pescara. "Siamo stati inflessibili censori della colpevole lentezza accumulata in questi anni ma abbiamo sufficiente onestà intellettuale per poter riconoscere la genuinità e la concretezza di atti che invertono la direzione." Prosegue in un comunicato stampa.

L’Atto di indirizzo per la accelera attività di funzione istituzionale del comune Nuova Pescara azione approvato - riporta - dichiara espressamente che 'il processo di fusione, istitutivo di Nuova Pescara, è ormai ineludibilmente tracciato' e ciò "costituisce una novità per la quale ora attendiamo analoghi provvedimenti da parte dei Comuni di Montesilvano e Spoltore finora restii al riconoscimento formale e sostanziale del processo in corso. Così come i citati Comuni farebbero bene a prendere atto, come ha fatto il Comune di Pescara, che la 'fusione, sotto il profilo demografico, corrisponde alla più grande mai realizzata in Italia' e, aggiungiamo noi, tra le più grandi d’Europa, al punto da poter essere indicata presso i decisori comunitari come progetto pilota di una eventuale, quanto mai necessaria, riorganizzazione delle istituzioni amministrative."

"Bene fa, infine, l’Amministrazione comunale di Pescara, ad invitare le Amministrazioni comunali di Montesilvano e di Spoltore, nel minor tempo possibile, a: - stipulare, congiuntamente, una convenzione ex art.30 TUEL per la costituzione di un Ufficio della fusione, con il compito di sovraintendere e coordinare tutte le attività necessarie ad associare le funzioni ed i servizi di cui all’art.4 della L.R. Abruzzo n.26/2018; - stipulare, congiuntamente, una convenzione ex art.30 TUEL per la costituzione di un Ufficio di coordinamento dei progetti di PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), proposti dai tre comuni, per sovraintendere alla attuazione degli interventi; - istituire, congiuntamente, una Centrale Unica di Committenza e di gestione dei contratti; - associare, congiuntamente, servizi in materia di riscossione tributi, protezione civile, patrimonio, rifiuti, sociale, polizia municipale, pianificazione urbanistica; - realizzare, congiuntamente, un progetto per la standardizzazione e la unificazione delle reti e sistemi informatici funzionale a supportare l’associazione dei servizi." Aggiunge: "Se tutti questi auspici venissero in effetti in breve raccolti e realizzati potremmo davvero dire che la Nuova Pescara è sulla buona strada e che, anche se con notevole ritardo, il personale politico si uniforma, finalmente, alla volontà popolare." Conclude: "Lode al Sindaco Masci e alla Giunta Municipale di Pescara, dunque, per aver gettato il dado. Attendiamo atti ed atteggiamenti dagli altri due Comuni che, in verità, sullo stesso terreno, non ci hanno abituato alla stessa solerzia e ad analoga capacità di visione."

chiacchiere da ape

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233743