Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 
Martedì, 06 Dicembre 2022 12:37

“Per noi donne”, l’ opera di Flora Amelia Suárez Cárdenas

Scritto da nefer

Presentata raccolta poetica plurilingue contro la violenza sul tutte le donne del mondo. Due poesie in 15 lingue per chiedere RISPETTO verso tutte le donne del mondo. Parte del ricavato sarà devoluto a Medea odv per progetti di contrasto alla violenza.

Presentata “Per noi donne”, l’ opera di Flora Amelia Suárez Cárdenas in anteprima nazionale di stampa all’interno della XXIII RASSEGNA EDITORIA ABRUZZESE. L’ambizioso progetto “Per noi donne”, edito da Tabula Fati, ha visto la luce il 25 novembre grazie ad un incredibile lavoro di squadra ed il forte supporto dell’editore Marco Solfanelli. Una silloge poetica in rosa che, con componimenti della nota autrice di origine venezuelana, ha fatto il giro del mondo per tornare in Italia. “Io credo in te donna” e “Donna è rispetto” sono i due componimenti poetici rispettivamente letti dall’autrice a Dubai in lingua inglese all’ International Women’s Art Exibition ed a Tenerife in spagnolo nella giornata contro la violenza. Tra versi ed arte “Per noi donne” contiene ventuno ritratti di donna in carboncino realizzati dall’autrice ed in copertina “Ritratto di Donna” di Danila Fulgenzio. Un lungo percorso, una gestazione artistica avviata nel 2007 è alla base dell’opera che ad oggi è tradotta in arabo, cinese, spagnolo, finlandese, francese, gaelico, scozzese, inglese, olandese, portoghese, rumeno, russo, svedese, tedesco, ungherese ed italiano per inviare un messaggio che intende essere universale e senza confini geografici, linguistici, politici, religiosi o ideologici. Un messaggio tanto semplice quanto complesso è la richiesta di rispetto da parte delle donne innamorate vittime dell’amore violento del proprio uomo che restano incredule dinanzi ad una quotidianità fatta di sofferenza che le si legge negli occhi. Donne che infine si ritengono meritevoli di quel maltrattamento; donne che si convincono di aver delle colpe e che forse sì sono colpevoli e sbagliate e credono sia lecito l’amato infligga loro sofferenze. Le donne nei versi dell’autrice sono donne che perdono il rispetto in se stesse e non riescono a farsi rispettare. Un ringraziamento particolare al Dott. Francesco Longobardi, Presidente di Medea odv che ha preso parte alla presentazione della raccolta intervenendo con un sentito e commosso contributo e sposando a pieno il progetto culturale e sociale di Flora Amelia Suárez Cárdenas.

Parte del ricavato sarà devoluto proprio a Medea odv che è un’organizzazione di volontariato attiva sui fenomeni di violenza e che fornisce consulenza gratuita a disposizione delle vittime di violenza con equipe di psicologi, avvocati e criminologi pronti a fornire assistenza legale e consulenze atte a valutare il livello di pericolosità delle violenze subite. “Quasi sempre i progetti che si ipotizzano non si realizzano mai se si è da soli – dichiara Flora Amelia Suárez Cárdenas – ed in questo caso è proprio vero! Quando si intende realizzare i propri sogni, innanzitutto bisogna credere di poter raggiungere l’obiettivo prefissato e fortemente desiderato da tempo. Quando iniziai a riflettere su questo progetto ho contattato ambasciate, università, istituti di cultura e privati che non mi hanno detto di no, anzi, sono stati di una cortesia incredibile, inaspettata. Non avrei mai pensato d’incontrare persone dall’animo tanto gentile, comprensivi e generosi tanto da immediatamente aderire alla mia iniziativa accettando di tradurre le mie poesie con l’orgoglio di saper di lavorare per una pubblicazione in cui parte del ricavato sarebbe stato devoluto in beneficenza a organizzazioni no profit per la tutela delle donne.”

chiacchiere da ape