Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 

 
 
Lunedì, 19 Febbraio 2024 18:28

Ospedale congiunto umano- animale. Studio USA: salverebbe la vita a molti senzatetto, ecco perchè

C'è un legame profondo d'amicizia e affetto tra chi vive in strada e il proprio amico a 4 zampe. E spesso rifiuta di curarsi in ospedale perchè non sa a chi lasciarlo. Uno studio conferma che sarebbe un progetto utile e concreto una clinica congiunta che accolga entrambi.

Una clinica umana e animale congiunta dove entrambi possono essere ricoverati insieme. Uno studio recentissimo svolto a Seattle, USA, pubblicato lunedì sulla rivista Human-Animal Interactions, riferisce che quasi tutti i senzatetto hanno accanto un animale d'affezione e le cliniche sanitarie, dove entrambi possono ricevere assistenza sanitaria, potrebbero essere rivoluzionare e migliorare la salute di entrambi. E' riportato su Upi. Lo studio ha scoperto che cliniche congiunte persone-animali domestici, cliniche veterinarie gratuite e alloggi pet-friendly sono potenziali luoghi di concreto aiuto, perchè c'è un forte legame d'amicizia tra loro e non li vorrebbero mai lasciare, neanche per andare in ospedale a curarsi.

Lo studio unico e interessante

Lo studio è stato focalizzato su 44 proprietari di animali domestici senza casa a Seattle. È emerso che il 61% era interessato all’assistenza sanitaria per i propri animali domestici, rispetto al 43% per se stesso. Ma quasi 9 su 10 hanno indicato che frequenterebbero una clinica veterinaria/umana congiunta.

"La ricerca ha dimostrato che gli animali da compagnia sono una fonte di amicizia e sicurezza fisica, e i senzatetto con animali domestici riportano tassi di depressione e solitudine significativamente più bassi rispetto ai non proprietari di animali domestici", afferma la dott.ssa Michelle Kurkowski, che ha svolto lo studio, capo ufficiale medico veterinario presso il servizio di ispezione sanitaria degli animali e delle piante degli Stati Uniti. "La nostra analisi rivela che questo gruppo rifiuta spesso l'assistenza di cui ha bisogno, come servizi sanitari, a causa della difficoltà nell'uso dei trasporti pubblici o della mancanza di posti sicuri dove lasciare gli animali domestici", ha aggiunto. Lo studio mirava a comprendere meglio le esigenze e le sfide che affrontano i senzatetto e i loro animali domestici, al fine di poter intervenire concretamente. "L'obiettivo finale di questa valutazione era quello di riassumere le principali strategie di intervento per i proprietari di animali domestici che vivono senzatetto e di aiutare a dirigere futuri finanziamenti, ricerche e sforzi di sensibilizzazione", dice il coautore dello studio Andrew Springer , professore associato di promozione della salute e scienze comportamentali presso UTHealth.

Maggiori informazioni sul progetto. Il progetto State of Pet Homeless ha maggiori informazioni sui senzatetto e sugli animali domestici .

Ultima modifica il Lunedì, 19 Febbraio 2024 18:53
 

chiacchiere da ape

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233016