Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 
 
 

Mercoledì, 10 Aprile 2024 11:52

Omicidio Cerciello. Pg chiede 23 anni per Gabriele Natale Hjorth

Concorso in omicidio. "Lui sapeva che Elder aveva con sé un coltello da 18 centimetri"

Il carabiniere Vicebrigadiere Mario Cerciello Rega aveva solo 35 anni quando è stato ucciso mentre prestava servizio nel quartiere Prati a Roma. Nella notte tra il 25 e il 26 luglio 2019, Cerciello e un suo collega risposero ad una chiamata per un furto. I due, una volta giunti sul posto, fermarono due persone corrispondenti alla descrizione fornita dalla vittima: ne scaturì una violenta colluttazione, nella quale Cerciello venne accoltellato a morte.

Poche ore dopo vennero arrestati due turisti statunitensi, Finnegan Lee Elder e Gabriel Natale Hjorth, accusati dell'omicidio del carabiniere. A maggio 2021, dopo il processo in primo grado, i due imputati vennero condannati entrambi all'ergastolo. A marzo 2022 la corte d'assise d'appello di Roma ha ridotto le pene per i due statunitensi a 24 anni per Elder e 22 anni per Hjorth

Il Procuratore Generale della Repubblica della corte di appello di Roma, ora, ha chiesto una condanna a 23 anni e 9 mesi per Lee Elder Finnegan e a 23 anni per Gabriele Natale Hjorth, i due cittadini americani accusati dell'omicidio del vicebrigadiere dei carabinieri, Mario Cerciello Rega, avvenuto a Roma nel luglio del 2019. Si legge su Ansa. Per i due la Cassazione aveva disposto un nuovo processo di secondo grado.

In particolare i Supremi giudici avevano annullato per Elder la condanna a 24 anni con rinvio sulle circostanze aggravanti e sulla sussistenza del reato di resistenza a pubblico ufficiale. Per Hjorth, che era stato condannato a 22 anni, l'annullamento con rinvio riguarda l'accusa di concorso in omicidio.

Nelle richieste il pg di Roma ha accolto le sollecitazioni della Suprema Corte in merito all'aggravante della resistenza a pubblico ufficiale per Elder affermando che "non ci sono elementi per stabilire che l'imputato conoscesse la parola 'carabinieri'" in riferimento a quanto accaduto prima della drammatica aggressione avvenuta a pochi passi da piazza Cavour.

Per quanto riguarda Hjorth il rappresentante dell'accusa ha ribadito il concorso in omicidio. "Lui sapeva che Elder aveva con sé un coltello da 18 centimetri, non si sottrae allo scontro con i due militari e lui, che è italoamericano, sa che i due sono carabinieri". E ancora: "Hjorth dice all'amico 'è abbastanza', quindi ha capito cosa sia successo e inoltre lo aiuta a nascondere, una volta in albergo, il coltello", ha aggiunto il pg.

 

 

 

 

chiacchiere da ape

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233016