Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 
Lunedì, 10 Ottobre 2016 18:04

Chieti/Megalò2. WWF: completare l’argine e nuove costruzioni," inaccettabile"

Scritto da Red En

“Occorre semmai perseguire i colpevoli per le opere di difesa mai ultimate ed evitare ulteriori colate di cemento a danno dell’ambiente e dell’economia del territorio”

 

Continua la ferma opposizione del WWF Chieti - Pescara alle cementificazione delle zone di esondazione del fiume Pescara. Le osservazioni della associazione sono state pubblicate sul sito della Regione soltanto oggi, ma il documento - in opposizione al progetto “Opere di messa in sicurezza ai fini idraulici dell’area P.R.U.S.S.T. 7-93 e modifica planimetrica dell’intervento edilizio a completamento con la realizzazione di edifici commerciali no food” proposta dalla SIRECC S.r.l. di Imola (BO) e questa volta anche dalla SILE Costruzioni S.r.l. di Barzana (BG) - era stato inviato al Comitato VIA già dal 30 settembre scorso.

Il WWF ha contestato in via preliminare l’unificazione in un medesimo progetto di due interventi totalmente scollegati tra loro. La messa in sicurezza dell’area P.R.U.S.S.T. è infatti prescritta dal Genio Civile in quanto indebitamente non attuata nella precedente fase di cantiere, relativa alla costruzione, in zona di esondazione del fiume Pescara, del centro commerciale Megalò e non può essere collegata a nuove costruzioni. “Appare – sottolinea Nicoletta Di Francesco, presidente del WWF Chieti Pescara -  decisamente incongruo voler usare una propria manchevolezza (la realizzazione dell’argine senza rispettare i dettami del progetto a suo tempo approvato) per giustificare una ulteriore e fortemente impattante colata di cemento. Il “parere favorevole” del marzo 2016 rilasciato dall’Autorità dei Bacini, più volte richiamato dal progettista, non riguarda affatto la costruzione di nuovi edifici ma esclusivamente gli interventi di messa in sicurezza in accordo con quanto disposto dal Genio Civile con una apposita ordinanza, mentre i precedenti pareri erano stati saggiamente revocati”.

Nelle osservazioni, si legge in una nota, “ancora una volta il vizio d’origine che caratterizza tutte le opere strutturali ed infrastrutturali ad oggi realizzate e funzionanti all’interno di un’ansa del fiume Pescara: il centro commerciale, la viabilità extraurbana, l’argine e il parcheggio ad uso pubblico.”

Secondo WWF “Il completamento e l’adeguamento dell’argine rappresentano unicamente un intervento di messa in sicurezza dell’esistente e non certo la premessa per aggravare la situazione con ulteriori interventi urbanistici in una area che – come le sempre più frequenti alluvioni che si verificano nel nostro Paese dovrebbero insegnarci – dovrebbe essere invece liberata dalle costruzioni esistenti, di cui sarebbe saggio prevedere la graduale delocalizzazione.”

Il WWF entra nei dettagli del progetto (pur se si ripromette di inviare ulteriori e più dettagliate osservazioni), proponendo anche valutazioni di altro genere.

chiacchiere da ape

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233743