Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 

Domenica, 23 Aprile 2017 18:38

Nicola Fornoni, Corallo liquido, 2015-17, bucarsi le falangi per la glicemia.

Domenica 30 aprile ore 21, Spazio Matta E' sconsigliata la visione ai minori



Ogni giorno, tre volte al giorno, Nicola Fornoni si buca le falangi delle dita per misurare il valore glicemico del suo sangue. Nella performance la ripetizione di questo gesto diviene il rituale attraverso il quale superare la membrana del proprio corpo e rendere manifesti il dolore e la sofferenza. Esibire il liquido organico più prezioso, il sangue, si pone come riflessione e superamento dei tabù sociali della malattia e della caducità della vita. La performance, concepita per il video omonimo nel 2015 ed esposto a Dijon (FR) nel 2016 nella mostra Red ritual a cura di Francesca Lolli, all'Association Culturelle Bourguignonne, in occasione di Italiart, 10éme L'italié a Dijon-Festival contemporain et traditionnel ouvert au monde, è presentata per la prima volta appositamente per il festival CORPO.

Nicola Fornoni (1990, Brescia, IT) laureato in arti visive, si dedica alla Performance Art da cinque anni esponendo e performando in Italia e all’estero. Nel 2017 vince uno dei premi Adrenalina a cura di Ferdy Colloca nella categoria Performance, body art, street art. Nel 2016 performa al 3rd Venice International Performance Art Week a cura di VestAndPage, presso Palazzo Mora, Venezia venendo a contatto con esponenti della body art storica. Durante questi anni espone ad Eject V festival du performance de Ciudad De Mexico (MS), PAS-V Bienal de performance art in Bogotà (CO), performa alla Sabrina Raffaghello Gallery a Milano, alla Casa di Ludovico Ariosto a Ferrara per Aliens, forme alienate del contemporaneo a cura di Frattura Scomposta lavorando tra performance, body art, video art e video-documentazione.

A  seguire incontro-dibattito con Nicola Fornoni.

Posto unico 4 euro. 

chiacchiere da ape