Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 
Martedì, 09 Maggio 2017 18:37

San Giovanni Teatino, “manca l'obiettivo comune” e “non si contano più i debiti”.

Scritto da Reden
Mario Cutrupi Consigliere M5S Mario Cutrupi Consigliere M5S foto da Fb di Mario Cutrupi

M5S: “Pian piano sta emergendo tutto ciò che ha portato le casse comunali vicino al tracollo.”

 

Il MoVimento 5 Stelle chiede “ Smettetela di litigare e cominciate ad amministrare correttamente. Se non ci riuscite andate a casa, di danni ne avete fatti fin troppi.”

 

Mario Cutrupi afferma: “Le spese assurde, le privatizzazioni insensate, le concessioni discutibili che hanno impoverito il comune sono il risultato più evidente di una chiara e limpida mancanza di coordinamento, un’assenza di pianificazione, una totale mancanza di un obiettivo comune.”

“Non si contano più infatti i debiti che vanno dal quasi milione di euro della vecchia FB Servizi srl in liquidazione, a quelli provocati da atti ingiuntivi per centinaia e centinaia di migliaia di euro che arrivano in comune ormai a cadenze regolari. Inoltre i lavori che, - si legge in una nota stampa - oltre a procedere con una lentezza impressionante hanno la necessità di essere modificati ancor prima della fine, dimostrano la totale assenza di una visione progettuale che dia un impatto positivo sul territorio. Per non parlare di quello che sembra fatto ad arte per non rendere funzionali le cose. Ad esempio la costruzione di uno spogliatoio nella cittadella dello sport al quale mancherebbe l'intera linea delle acque bianche e tutte le spese relative agli allacci elettrici, acque nere e acqua potabile.”

Riferisce: “Il Nido, uno di quei servizi di eccellenza del territorio, in questi giorni vede sempre di più nuvole nere che si avvicinano. Si comincia con l’esclusione da un finanziamento regionale di 220.000 euro. Soldi importantissimi per questa struttura ma, l’amministrazione non si accorge di avere l’accreditamento scaduto dal 2015 “. E fa presente :“La cosa che più ci lascia senza parole è quello che si profila per la situazione scolastica. Come hanno fatto a non considerare per tempo le esigenze di aule dovute alla crescente popolazione? Eppure avevano tutti i dati, erano a conoscenza del fatto che i plessi scolastici sono stracolmi. Ci troviamo a ridosso delle iscrizioni ed i genitori non sanno cosa succederà.”



chiacchiere da ape

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233743