Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...

        Registrati  
Banner orsini
banner di stefano
de martinis
fidanza
forconi

Notizie Abruzzo

0
 il 20/05/2019 dalle ore 10:00 alle ore 12:00, Sala Tricolore del Comune di Città Sant’Angelo. Un incontro per chiedere
0
E' accaduto in provincia di Teramo, a Pagliare di Morro d'Oro. I Carabinieri sono riusciti a bloccare un piano
0
Marsilio “Avviato un percorso per la definitiva soluzione del problema L’Aquila, 16 maggio 2019 – “L’annuncio
0
Aprirà alla città sabato 18 maggio il Teatro Gianni Cordova, sala che prenderà vita nel ristrutturato auditorium della
0
Molestava le minorenni Nel mese di aprile scorso, alcune studentesse minorenni di Giulianova denunciavano presso
0
Domenico Di Michele il primo amministratore unico Nel pomeriggio di oggi si è costituta Adriatica Risorse Spa e la

 sindaco Maragno e assessore Fumo consegnano le estensioni delle concessioni ai balneatori

Pubblicato in Montesilvano

Lettera al DelRio a firma dei politici abruzzesi.

"I rincari di quasi il 13% dei pedaggi autostradali dell'A24 e A25 sono l'ennesimo schiaffo dato ai cittadini, in particolare agli abruzzesi, che non solo devono percorrere da mesi un'autostrada in gran parte a corsia unica, a causa dei lavori urgenti di manutenzione in corso, ma si vedono costretti a pagare ben 3 volte, e con tariffe spropositate, un'infrastruttura pubblica, che dovrebbe appartenere a loro." Una lettera al ministro Del Rio oggi a firma anche dei parlamentari Castaldi, Blundo, Colletti, Del Grosso, e dei consiglieri regionali M5S Marcozzi, Mercante, Pettinari, Ranieri e Smargiassi, per chiedere "un intervento urgente a tutela dei cittadini che percorrono ogni giorno quelle autostrade".

Lo fa sapere il deputato pescarese M5S Gianluca Vacca. "Solo in Italia possono accadere queste cose, con un privato che fa profitti e riceve tanti soldi dallo Stato mentre i cittadini sono costretti a pagare più volte un'opera pubblica: prima quando è stata costruita, poi con i finanziamenti che il concessionario ha ricevuto dallo Stato sotto varie forme (350 milioni con gli ultimi provvedimenti, 100 milioni come sospensione dei pagamenti dei canoni e 250 di finanziamento per i lavori di messa in sicurezza) e infine con i pedaggi che, dal 2009 all'anno scorso, erano già aumentati di quasi il 44%! Ricordiamoci inoltre che il gruppo Toto guadagna sulle autostrade grazie anche all'altissima percentuale di lavori affidati in house, cioè a imprese del proprio gruppo, anche a seguito dell'emendamento approvato nell'ultima legge di Bilancio che aumenta la percentuale di lavori affidabili senza gara solo per i concessionari autostradali. Un bel regalino di Natale alle lobby, l'ennesimo da parte di una maggioranza sempre attenta alle esigenze dei potenti e distratta nei confronti degli interessi dei cittadini! Oltretutto i contratti di concessione sono praticamente un 'segreto di Stato', come li ha definiti recentemente il Corriere della Sera, poiché, a differenza degli altri paesi europei, non sarebbero reperibili on line e quindi non si potrebbero consultare liberamente, nonostante l'Autorità dei Trasporti abbia più volte sollecitato a renderli pubblici. È ora che questo governo si assuma le proprie responsabilità e intervenga per evitare questa ennesima catastrofe per gli abruzzesi. Un governo serio e coscienzioso la smetterebbe di fare regali costosi ai concessionari, Strada dei Parchi compresa, e inizierebbe invece a prendere in considerazione la revoca della concessione, visto che l'interesse pubblico non viene praticamente mai tutelato" aggiunge il deputato Vacca. "Un'ultima considerazione è d'obbligo: a quanto ammonterebbero i rincari dei pedaggi qualora venisse approvato il progetto da svariati miliardi di euro portato avanti dal concessionario e al momento fortunatamente bocciato? Come può essere credibile chi afferma che non ci saranno rincari per i cittadini, alla luce di quello che sta accadendo?" conclude il deputato pentastellato.

Pubblicato in Abruzzo
loading...
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…