Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Venerdì, 07 Luglio 2017 18:35

Pescara/sgombero Via Lago di Borgiano. Presto 7 assegnazioni alloggi provvisori

Scritto da A.C.

entro 60 giorni altri 46 appartamenti saranno ristrutturati e pronti.

 

Nel pomeriggio di oggi nella sede del Centro Operativo Comunale si è svolta una riunione per fare il punto della situazione a tre giorni dall'emergenza abitativa, scattata lo scorso 4 luglio con la comunicazione dell'Ater circa l'inidoneità statica delle palazzine situate in via Lago di Borgiano ai civici 14, 18 e 22.

Alla riunione ha preso parte il sindaco Marco Alessandrini, il vice sindaco e assessore alla Protezione Civile Antonio Blasioli, l'assessore alle Politiche sociali Antonella Allegrino, i vertici Ater, la consigliera Daniela Santroni, i rappresentanti delle strutture comunali della Politica della Casa e Politiche Sociali che stanno operando ininterrottamente dalla notte del 5 luglio, i volontari delle associazioni di protezione civile, la Polizia Municipale, l'assessore Paola Marchegiani.

Al momento sono state contattate tutte le 235 persone che occupavano le palazzine e a tutte è stata trovata una sistemazione fra residence, strutture alberghiere, palazzetto dello sport Giovanni Paolo II e struttura comunale di via Valle Furci. Dai prossimi giorni si prevede l'assegnazione degli alloggi Ater subito disponibili. Per chiamare il COC i numeri sono 2 085/3737202 e 085/4211978.  

 

“Siamo partiti dall'ordinanza di sgombero emessa dal 4 luglio e 72 ore dopo, a tre giorni dal momento in cui è scattata l'emergenza, possiamo dire che è stata data ospitalità in diverse strutture a 230 persone su 235 e le ultime 5 persone le stiamo contattando adesso – così il sindaco Marco Alessandrini - Tutte le richieste sono state evase per la prima accoglienza. In questo numero sono compresi anche quanti hanno trovato sistemazione fra amici e parenti o che hanno comunicato di avere altre alternative. In ogni caso, sin da subito, la disponibilità di posti letto è sempre stata maggiore rispetto alle richieste ricevute. “ Afferma “Si tratta di un intervento finanziato con fondi per 642.000 euro, attinti dalle risorse del decreto Renzi (decreto interministeriale del 16 marzo 2015), erogati proprio in occasione dell'emergenza di Pescara e di cui il Dipartimento Opere Pubbliche ha dato comunicazione all'Ater nella giornata di ieri. Verranno effettuati lavori di riqualificazione in urgenza e saranno pronti entro settembre.”.  

 

“Oggi chiudiamo la fase più prettamente emergenziale – aggiunge il vice sindaco e assessore alla Protezione Civile Antonio Blasioli – un lavoro titanico visti i tempi stretti in cui questa emergenza si è manifestata, assolto grazie alla tenacia della macchina comunale: uomini, donne, volontari, assistenti sociali e anche gli assessori e i consiglieri che si sono alternati al Centro Operativo Comunale. Grazie anche a Marco Campili della Protezione Civile regionale che in questi giorni è stato una presenza discreta, ma che ci è stato di grande supporto per l'esperienza di tante emergenze affrontate a livello regionale. Ci siamo occupati veramente di tutto, famiglie, animali di compagnia che vivevano in quelli stabili e questo testimonia che un'emergenza quando c'è crea esigenze davvero composite. “

Al momento sono 230 le persone ospitate: all'hotel Holiday 48 persone; 2 all'Hotel Natale; a Valle Furci sono 18 persone; al Villaggio Mediterraneo di Chieti ci sono 32 ospiti; all'Hotel Piccolo Royal sono 23; all'Hotel Amico ci sono 57 ospiti e la struttura può raggiungere il numero di 83 ospiti; sono 43 quelli che sono stati accolti e a Villa Immacolata, si tratta di 2 persone anziane; 3 ad un appartamento Caritas in via Aterno; al Palazzetto dello sport Giovanni Paolo II ci sono solo 2 persone che domani andranno all'Hotel Amico. Va chiarito che la struttura sportiva poteva ospitare 145 persone su brandine dotate di tutto, con materiale sigillato, non abbiamo per fortuna dovuto riempirla, ma la terremo disponibile ancora qualche giorno. Abbiamo fatto davvero un miracolo, suscettibile di aggiustamenti per venire incontro alle richieste di tutti nei prossimi giorni. I pasti sono affidati a Euromensa e si occupa di catering ed effettua la consegna presso le strutture, alla distribuzione pensa la Caritas che ci ha dato una grande mano o la protezione civile. Ora entriamo nella fase due, quella delle sistemazioni provvisorie che inizierà con le prime 7 assegnazioni.

“Stiamo lavorando al piano per definire il trasloco dei mobili e di tutti gli effetti ad oggi ancora nelle case sgomberate e aspettiamo risposte celeri dalla Regione per quanto riguarda il riconoscimento dello stato di emergenza da noi richiesto per poter agire in tranquillità e rispondere alla disponibilità di quanti hanno già contattato persone che possono affittare appartamenti”. 

Dice l'ingegner Carmine Morelli dell'Ater - “Altri due alloggi saranno pronti la settimana prossima, mentre i 46 appartamenti che potranno essere destinati in via definitiva alle persone saranno ristrutturati dal 14 luglio. Abbiamo scelto la procedura della somma urgenza, in modo da dividere l'appalto in quattro lotti per abbreviare la tempistica dei lavori, effettuati da 4 ditte. A mano a mano che finiremo i lavori gli appartamenti saranno consegnati”.

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233743