Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Mercoledì, 28 Febbraio 2018 12:33

Shirinkflation. Acquisti. Prezzi stabili ma meno prodotto in confezione

Scritto da Kim Redy

MDC Abruzzo denuncia l'inganno ai consumatori della "shrinkflation”

"Ha tutte le caratteristiche di una truffa ai danni dei consumatori il comportamento di produttori e venditori, soprattutto della grande distribuzione, che fingono i prezzi bloccati sui prodotti e stanno invece riducendo le confezioni".

E’ quanto denuncia il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) Abruzzo dopo la scoperta del fenomeno detto "shrinkflation", parola che nasce dall’unione di shrinkage (contrazione) e inflation (inflazione), un vero e proprio escamotage rivelato e analizzato dall’Ons, l’istituto di statistica inglese.

Diverse imprese produttrici non intervengono più sui listini per non dare al consumatore la percezione di aver aumentato i prezzi, ma in realtà lo hanno fatto riducendo le quantità del prodotto. Esempi sono i pacchi di fazzoletti al cui interno ne troveremo 9 anziché 10, lattine di bibite che passano da 33 ml a 25 ml, tubetti di dentifricio che scendono da 100 ml a 75, rotoli di carta igienica che da 250 ‘strappi’ si riducono a 230.

Purtroppo l’ISTAT ha accertato che questa tecnica è diffusa anche in Italia, denuncia l’Associazione, e viene applicata soprattutto su alcuni prodotti come zuccheri, confetture, miele, cioccolato e dolciumi. Dal 2012 al 2017 i rilevatori comunali hanno registrato un cambio di quantità per 1405 prodotti su un totale di 600 mila e nell’83% degli oltre 700 casi nei quali il peso è diminuito, si è registrato un aumento del costo relativo, e solo nel 17% dei casi la riduzione della quantità offerta è stata accompagnata dalla riduzione del prezzo. Il Movimento Difesa del Cittadino avrà i fari puntati sul fenomeno e denuncerà i casi scorretti all’Antitrust.

Ultima modifica il Mercoledì, 28 Febbraio 2018 12:38