Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Lunedì, 20 Gennaio 2020 19:15

Centro politico di Teramo contro progetto detenuti Chieti: è tipo Arancia meccanica

Scritto da redenz

Centro Politico Comunista Sandro Santacroce" e "Sportello Sociale Usb" di Teramo: "Era dalla sua nomina avvenuta in estate che attendevamo notizie dal neo-garante per i detenuti abruzzese, ma mai ci saremmo aspettati di riceverne come quelle che sono pervenute nelle scorse ore".

I membri del centro politico comunista Santa Croce dichiarano: "Apprendiamo infatti con sconcerto del protocollo di collaborazione sottoscritto dal garante Prof.Gianmarco Cifaldi, dal Rettore della dell'Università d'Annunzio Sergio Caputi e dal direttore della Casa Circondariale di Chieti Franco Pettinelli, il quale prevede un progetto di ricerca sui detenuti".

Un progetto sperimentale, spiega il centro politico di Teramo, volto a "verificare i presupposti di un comportamento deviante mediante una metodica di stimolo-risposta attraverso una strumentazione non invasiva per verificare il grado di aggressività del detenuto". Commenta, "Un progetto in stile Arancia Meccanica di Kubrick che mai avremmo immaginato potesse diventare realtà. Ai detenuti, per l'appunto, 'verranno sottoposte delle immagini emotivamente significative ed emotivamente neutre'. Oltre ad evidenziare il palese conflitto di interessi in capo al prof-garante Cifaldi (sarà infatti egli stesso il responsabile dell'esperimento), il quale sfrutta il proprio ruolo per fare ricerca accademica, ciò che ci lascia interdetti è l'idea stessa di utilizzare i detenuti per fini scientifici".

Tengono a sottolineare, "Ricordando che in carcere vivono persone private della loro libertà, non cavie, e che il garante, nell'impegno del rispetto dei diritti inviolabili dell'uomo, tutela il loro essere umani non lo stato di detenzione, rinnoviamo come "Centro Politico Comunista Sandro Santacroce" e "Sportello Sociale Usb" l'invito al Sign.Cifaldi ad incontrare le realtà territoriali come le nostre che si impegnano quotidianamente contro le barbarie dell'attuale sistema penitenziario".