Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Mercoledì, 20 Maggio 2020 19:46

Montesilvano/Consiglio Comunale: discussione sulla concessione dello Stadio e antistadio.

Scritto da Angela Curatolo

 si terrà il 26 maggio alle ore 9,30 in Municipio al primo piano.

Dopo la riapertura delle commissioni sulla piattaforma on line, per il lockdown del Coronavirus, il 26 maggio si terrà, finalmente, il consiglio comunale per discutere su diversi argomenti, tra tutti il più interessante è la delibera di accordo per la struttura sportiva di Via Senna.

All’ordine del giorno sono previsti: il regolamento del centro di Riuso e l'approvazione del progetto del centro di raccolta.

Tra le mozioni il PD chiede azioni volte al contrasto della violenza di genere, l’UDC insiste con il contrasto alla cimice asiatica, Panichella, gruppo misto, ricorda il contributo per i Comuni 2020-2024. M5S chiede misure straordinarie per lo screening dei medici e dei pediatri di libera scelta sulla popolazione montesilvanese.

2 mozioni relative alla delibera di giunta su accordo con la Pescara calcio per il Mastrangelo e l'antistadio

Mozione sulla delibera di giunta del 12 maggio 2020 che prevede l'accordo, che ha suscitato tante polemiche, con la Pescara calcio per l'affido della struttura Mastrangelo e il campo Cianfarano di Via Senna. Il primo firmatario è il consigliere Francesco Di Pasquale di FDI e a condividerla sono 8 i consiglieri, FDI, SiAmo Montesilvano e Francesco Maragno.

La mozione non è contraria all’accordo con la Pescara calcio della delibera, di 15 anni, dove si prevederebbe la costruzione di una palestra, campo da paddle, accollandosi utenze e manutenzioni ordinarie e straordinarie, ma i consiglieri comunali chiedono che alcune condizioni siano inserite nel bando a tutela delle società sportive locali e della struttura pubblica: un canone minimo di concessione, oltre al 20% di pubblicità; l’installazione di illuminazione pubblica, ora inesistente, e la costruzione di spogliatoi a norma nell’antistadio, che potrebbe essere usato dalle società locali solo nelle ore pomeridiane, lavori a carico della società affidataria da concludersi prima della consegna delle chiavi. Infine si richiede di inserire nell’accordo la stipula di una polizza fideiussoria per garantire dopo 15 anni, alla restituzione, l’integrità della struttura.

Chiedono invece la revoca della delibera di giunta i consiglieri del PD progressisti per Monetsilvano. "La scelta di privilegiare nella gestione di un complesso sportivo una società di professionisti, che già ha fatto incetta di dotazioni sportive nelle aree limitrofe, e rimandi ad una gara ad evidenza pubblica, le cui soluzioni sono già 'confezionate' a misura del futuro affidatario, con il quale ha richiesto e avviato privilegiata interlocuzione". In un comunicato di due giorni fa afferma.

"E’ chiaro che dunque la gara ad evidenza pubblica costituisca solo un atto dovuto che suggella la formalizzazione con la società interessata, col serio rischio di monopolizzare l’utilizzo degli impianti in considerazione del fatto che alla società concessionaria spetta di utilizzare per tutta la durata del rapporto contrattuale, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:00 alle ore 13.00 del mattino, il cd “antistadio” realizzato in adiacenza dello stadio, demandando alla stessa società la realizzazione dell’impianto di illuminazione, con conseguente limitazione delle fruibilità del campo ad altre associazioni sportive in fasce orarie molto limitate".

Ultima modifica il Mercoledì, 20 Maggio 2020 20:11