Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Martedì, 29 Settembre 2020 19:19

L'Aquila, la mostra Solve et coagula di Roberto Fontanella

Scritto da redenz

L’Aquila 29 Settembre 2020 - Reduce dall’esposizione a Vicenza “SOLVE ET COAGULA”, la mostra personale dell’artista Roberto Fontanella, giunge ora all’Aquila con il suo linguaggio essenziale ma allo stesso tempo potente, raccontato con forme geometriche elementari e pochi colori attraverso tele e sculture.

La mostra, patrocinata dal Comune dell’Aquila, verrà inaugurata venerdì 2 ottobre alle ore 17:30 nella One Gallery, nuovo spazio espositivo d’arte e cultura, in via Roma 67. Partecipano, oltre all’artista, autorità del mondo istituzionale e accademico. L’esposizione rimarrà aperta al pubblico fino al 1 novembre 2020, dal martedì al sabato, dalle ore 16:00 alle 20:00. “Agli ospiti della mostra - sottolinea Francesca Pompa curatrice della One Gallery - sarà presentata una selezione delle opere dell’attuale produzione di Fontanella, molto materica e tattile, risultato di una pratica artistica ormai trentennale iniziata nei primi anni ’90 presso la Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia che lo ha visto protagonista nel tempo di varie mostre personali e collettive in tutta Italia”. “Solve et coagula” è un invito a ricordare che tutto ciò che ci occorre nella vita si trova già dentro di noi e intorno a noi, basta fonderlo in Alchimia con il nostro cammino di tutti i giorni nel segno della verità. “L’efficacia dell’Alchimia nel nuovo millennio - scrive nella sua presentazione Alice Traforti, consulente per l’arte contemporanea - si riscontra ancora nella lotta all’occultazione della verità interiore, che si attua oggi contro la velocità assunta come prima qualità del risultato atteso, contro la virtualità come sostituto assoluto dell’esperienza, contro il dominio della non vita sulla vita”. Solve Et Coagula è l’azione, individuale e globale, verso l’illuminazione, l’autenticità e l’universalità del linguaggio, che si ritrova anche nel percorso di ricerca artistica di Roberto Fontanella.