Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Lunedì, 08 Marzo 2021 17:11

Pescara. “Nemmeno con un fiore” murales contro il femminicidio

Scritto da nefer

Inaugurato il murales artistico “Nemmeno con un fiore” dedicato alle vittime di femminicidio, Un messaggio di speranza in occasione dell’8 marzo

In occasione della ricorrenza dell’8 marzo è stato inaugurato questa mattina, presso la sede del CPIA (Centro provinciale per l’istruzione degli adulti) di via Tavo 248, il Murales artistico realizzato dal graphic-designer Ottavio Sabatini in onore di tutte le donne vittime di femminicidio. L’iniziativa è stata promossa dalla Commissione comunale Pari Opportunità, presente con la presidente e consigliera comunale Maria Luigia Montopolino e con le altre rappresentanti dell’organismo. Oltre all'autore Ottavio Sabatini, sono intervenuti il sindaco Carlo Masci, e gli assessori Nicoletta Di Nisio, Patrizia Martelli, Adelchi Sulpizio e il consigliere regionale Vincenzo D'Incecco.

"In questa giornata dedicata alle donne - ha detto il primo cittadino – in tutti noi deve albergare un ricordo forte di tutte quelle donne che hanno perso la vita in modo violento per mano di chi avrebbe dovuto invece dare loro amore, ma anche un sentimento di vicinanza per tutte le persone che si sono viste portar via i propri cari in modo così tragico. Non si può certamente in alcun modo abbassare la guardia, a noi spetta aiutare e sostenere quelle donne che hanno il coraggio di denunciare. In questo senso voglio augurare loro un sereno 8 marzo".

Per l’assessore Nicoletta Di Nisio "l’8 marzo deve essere un’occasione di riflessione e di speranza per il futuro, a titolo personale faccio fatica infatti a pensare all’8 marzo come un giorno di festa. Auspico che ogni donna vittima di violenza, non solo tra le mura domestiche, sappia sempre trovare ogni volta il coraggio di denunciare e di difendere la propria dignità".

Maria Luigia Montopolino, presidente della Commissione Pari opportunità, ha dichiarato: "Vogliamo lanciare un segnale di positività e di vicinanza a tutte le donne. Come amministrazione comunale abbiamo messo in campo tutta una serie di iniziative di supporto sociale per assistere le donne vittime di violenza; nelle nostre strutture di accoglienza le sosteniamo in un percorso psicologico che possa riabilitarle e restituire loro una vita normale. Il murales vuole essere proprio simbolo di questa vicinanza, che sottolineiamo ancor di più nel giorno dell’8 marzo".

L’autore del murales ha descritto il suo lavoro: "Il simbolismo – ha detto Ottavio Sabatini – è riconducibile al concetto che non si può far male a una donna nemmeno con un fiore perché, paradossalmente, molti uomini hanno ucciso le loro mogli e compagne anche dopo aver donato loro dei fiori".

Il murales, che ha una dimensione di 3,40 per 2,20 metri, verrà collocato definitivamente dinanzi alla scuola comunale di via Tavo 248, a rappresentare un monito perenne da rivolgere agli adulti, ma anche ai bambini, affinché nella cultura di ogni individuo il rifiuto di ogni forma di violenza sia forte e indiscutibile.

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
32397712