Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 
Venerdì, 16 Settembre 2022 14:10

Tutto venduto nell'asta di libri antichi della Gliubich casa d'aste.

Scritto da Moira Mandorlo
Di Giovanni che mostra un pregiato e raro volume Di Giovanni che mostra un pregiato e raro volume

L'intervista al responsabile del dipartimento Loris Di Giovanni

Si apre con un "white gloves" il secondo semestre della Casa d'Aste Gliubich dell'Aquila con l'asta on line di libri antichi.
Tutti i volumi esitati dall'otto al sedici settembre sono stati acquistati, in diversi casi dopo battaglie all'ultimo rilancio.
Autore della singolare impresa una nostra vecchia conoscenza che riveste il ruolo di responsabile del dipartimento libri antichi, disegni, incisioni e manoscritti: Loris Di Giovanni.
Questo giornale ha documentato i suoi innumerevoli eventi culturali, lo ha seguito nella sua attività nei musei, in quella di saggista, nel suo impegno in pro loco dove ha rivestito la carica di consigliere regionale, nelle mostre a livello nazionale, come dimenticare quella su Durer a Bagnoregio.
 
Loris, innanzitutto toglici una curiosità: come hai raggiunto questo risultato?
Inizierei dal verbo che declinerei, necessariamente, al plurale: abbiamo. C'è una squadra di donne e uomini di età e esperienze diverse molto affiatata che si è formata in questi pochi mesi di vita della casa d'aste ma che ha sempre lavorato all'unisono. All'intuizione e al "fiuto" di Gianluca Gliubich, fondatore della casa d'aste omonima, si accompagna l'esperienza decennale del direttore Michele Dresda e di Valter Piccirilli, antiquario alla seconda generazione e responsabile del dipartimento dipinti antichi e del XIX secolo, Poi ci sono le giovani leve che, a dispetto dell'età vantano già una consolidata esperienza, le dottoresse Chiara Pilozzi, responsabile dei cataloghi e Valeria apostolo che cura la fotografia e la grafica. Fondamentali per il funzionamento burocratico della struttura Maura Sergio e Marco Piras, rispettivamente alla segreteria e alla contabilità dell'azienda. Andrei Marcu e Loreno Zaccagno curano la movimentazione dei lotti ed il magazzino. Il core businnes della casa d'aste, l'arte moderna e contemporanea, è seguita da Andrea Sabatini di Roma.
Vigila su tutti con i suoi business plan e l'esperienza dell'ex manager di estrazione bancaria Angelo Fracassi, il nostro consulente economico.
Si alternano per i tirocini, per i quali è stata firmata una convenzione, gli studenti dell'Accademia delle Belle Arti dell'Aquila e quelli, come il dott. Aurelio Luciani, che completano da noi la parte operativa di importanti master.
 
Torniamo a te, è la tua prima asta?
Sono alla seconda asta di libri antichi. La prima, il 26 aprile di quest'anno, era sia dal vivo che sulle piattaforme. Questa, invece, è stata solo on line sul nostro sito. Invero, avevamo già sperimentato la formula dell'on line a tempo con un'asta di grafica moderna. In questo caso ho voluto dare all'asta una impostazione totalmente innovativa: meno lotti, un'ampia scelta di prezzi e, soprattutto, tantissimo "contatto umano" vuoi con i collezionisti conosciuti nell'asta precedente, vuoi, vieppiù, con i nuovi contatti acquisiti nelle mostre mercato nazionali del libro e della stampa antichi.
Solo pochi giorni fa ho portato i libri dei nostri mandatari nella straordinaria cornice di Palazzo Vitelli a Sant'Egidio di Città di Castello ricevendo il plauso dei numerosissimi visitatori, in uno con quello degli altri espositori e del coordinatore e responsabile scientifico della manifestazione, il bibliofilo e antiquario librario Giancarlo Mezzetti.
Si è instaurato in questi mesi un rapporto con i nostri acquirenti che va oltre il mero lavoro per sfociare nella stima, nell'amicizia e, soprattutto, nella reciproca fiducia.
Per loro ho preparato condition report video dei volumi, anche questa una innovazione, che permette di "far vedere con i propri occhi" un libro sfogliato pagina per pagina e sempre per loro sii sta mettendo a punto un QR Code legato ad ogni singolo lotto.
 
Siete la prima casa d'aste abruzzese con un'area di influenza nella costa adriatica dall'Emilia Romagna alla Puglia. Pur nati da poco avete mai pensato ad allargare il vostro campo di azione? Ad un'altra sede, ad esempio.
Più che a una seconda sede, preferendo L'Aquila sia per il posto stupendo sia per il valore simbolici legato a tale scelta, da tempo abbiamo attivato la figura del procuratore di area, un nostro referente in una determinata regione o macro area. Ad esempio in Puglia abbiamo il dott. Domenico Iudice, antiquario di seconda generazione, esperto e perito d'arte.
 
Quali sono stati i "top lot" di quest'asta?
 Su tutti la prima edizione in lingua italiana stampata a Londra da Macmillan de "Le avventure d'Alice nel Paese delle Meraviglie" tradotto dall'inglese da T. Pietrocola Rossetti ed illustrato con 42 straordinarie vignette di Giovanni Tenniel. Un'edizione rara ed in ottimo stato di conservazione con la famosa legatura editoriale in tela rossa e le figure impresse in oro ai piatti. 
Altrettanto bene sono andati il Bavatorum cum romanis bellum con le incisioni del Tempesta, il Tractatus de vinea, vindemmia e vino di Prospero Rendella. Hanno, inoltre, spuntato un ottimo prezzo un lotto con ben dieci carte geografiche dell'Abruzzo e del Regno di Napoli, una Historia Naturale di Caio Plinio del 1535 che aveva disegnato da mano coeva  il palindromo del Sator sul frontespizio e una Gerusalemme Liberata del 1628.
Era atteso, ma non a questi livelli, il risultato complessivo raggiunto da tre manoscritti di magia e numerologia: il Trattato della Tavola dei Numeri angelici di Rutilio Benincasa, la Cabala Numerica del Venerabile Beda e l'Orazione Profetica con Enigmi risolti sempre dello stesso autore.
Tutte vendute anche le preziose opere a stampa su L'Aquila, dal Massonio al Franchi, che sono tutt'ora in mostra assieme alle antiche maioliche.
 
Le maioliche! Ho visto che ha avuto molto successo la mostra "Cromatismo e Forme: l'arte della maiolica abruzzese dal XVI al XX secolo" che avete proposto in collaborazione con l'amministrazione comunale in occasione della Perdonanza Celestiniana. Ma è vero che tutte le ceramiche saranno in asta, come lo sono stati i libri della mostra?
Certamente. Siamo da questa estate al lavoro sull'asta di martedì 20 settembre alle ore 15.00 in poi dove verranno esitate straordinarie opere d'arte di Castelli e di altri centri di produzione abruzzesi e nazionali. La faranno da padrona le opere di tuta la famiglia Grue da Francesco Angelo in poi, quella dei Gentile e, ultimo ma non per importanza, di Fuina.
Un'asta di maioliche che per qualità e numero di pezzi non si ricordava da tempo. 
il giorno seguente, mercoledì 21 settembre sempre dopo le 15.00, sarà la volta dell'asta di arredi e dipinti antichi e del XIX secolo, dovrà si potrà scegliere tra più di duecento lotti.
Due appuntamenti che possono essere seguiti dal vivo nella straordinaria cornice di Palazzo Cipolloni Cannella registrandosi e prendendo una paletta, oppure dal vivo sulla nostra piattaforma e su tutte le più note che abbiamo da tempo attivate per questo duplice evento.
 
Ci vediamo all'Aquila per questo doppio appuntamento e ancora complimenti per i risultati raggiunti.
Grazie al Giornale di Montesilvano dell'attenzione concessaci. Vi aspettiamo a L'Aquila il 20 e il 21 settembre alle 15.00".
Ultima modifica il Lunedì, 19 Settembre 2022 17:00

chiacchiere da ape

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233743