Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Lunedì, 04 Aprile 2016 17:10

Felice Orlandi l'attore abruzzese di Broadway e Hollywood

Scritto da ....
Felice Orlandi, una scena di un film con Humphery Bogart e il certificato di laurea alla Carnagie Felice Orlandi, una scena di un film con Humphery Bogart e il certificato di laurea alla Carnagie

Associazione Culturale “Ambasciatori della fame” Contro la dimenticanza … Storie della nostra emigrazione …Geremia Mancini racconta la vita di Felice Orlandi un bravo attore abruzzese colpevolmente ed ingiustamente dimenticato.

Nato ad Avezzano (Aq) il 18 settembre del 1925. Felice Orlandi arriva negli Stati Uniti sin da piccolo nella città di Cleveland (Ohio). Da subito, anche a scuola, dimostra spiccate doti di recitazione. La sua è una strada disegnata che lo porta inevitabilmente prima verso il teatro e poi verso i set cinematografici. Il suo vero esordio, assai importante, a Broadway nel 1951 in “Romeo e Giulietta”. Sempre a Broadway conoscerà un enorme successo con “The girl on the Via Flaminia”. Contemporaneamente frequentava con profitto “arti drammatiche” nella prestigiosa università “Carnegie Tech” (ora “Carnegie Mellon”). Da ora in poi tanto, tantissimo, teatro e molti film tra i quali : Il colosso d'argilla del 1956, Autopsia di un gangster del 1958, The Pusher del 1960, Bullitt del 1968 e Non si uccidono così anche i cavalli? Del 1969. Sul set avrà l’onore di lavorare con attori del calibro di Humphrey Bogart, Rod Steiger, Steve McQueen , Jacqueline Bisset, Robert Duvall, Jane Fonda, Charles Bronson, James Coburn, Ryan O'Neal , Eddie Murphy. Il suo ruolo, in teatro e nel cinema, sembra disegnato dal suo stesso volto: bello, duro e molte volte cattivo. Intanto conosce il suo vero grande amore nell’attrice Alice Ghostley. Anche in tv ("Gli eroi di Hogan", "Dallas", "Hill Street Blues" e "Gunsmoke") Felice Orlandi raccoglie consensi e sempre tanta attenzione soprattutto dal pubblico femminile. Quando il 21 maggio del 2003 muore, per un cancro ai polmoni, sono in molti a ricordarlo per le sue doti di attore ma anche per una incredibile bontà d’animo . Aveva sempre taciuto e nascosto di aver aiutato economicamente numerosi colleghi caduti in disgrazia.

Ultima modifica il Lunedì, 04 Aprile 2016 17:22