Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Venerdì, 09 Settembre 2016 14:31

Montesilvano Osservatorio regionale su “Violenza e condotte vessatorie”.

Scritto da Red En

Cuore Nazionale Abruzzo, sabato 10 settembre la presentazione dell’Osservatorio Sociale Regionale sulla “Violenza e condotte vessatorie” a Montesilvano.

 

Sabato  10 settembre 2016 alle ore 10:30 presso l’Hotel Serena Majestic a Montesilvano, si terrà la conferenza stampa di presentazione dell’Osservatorio Sociale Regionale sulla “Violenza e Condotte Vessatorie”. Cuore Nazionale Abruzzo, dopo il convegno sullo Stalking tenutosi a Montesilvano lo scorso 1° luglio, ci ha tenuto a far sì che si realizzasse il progetto dell’Osservatorio Sociale, ora realtà. Secondo i dati recentemente pubblicati dall’ISTAT sono oltre sette milioni in Italia le vittime di violenza fisica e/o psichica, in gran parte donne. In particolare, tra tutte le forme di violenza lo stalking rappresenta una vera emergenza nazionale per la variabilità degli elementi in gioco e per le gravi ricadute psico-fisiche ed esistenziali che la vittima presenta a seguito di comportamenti abietti e riprovevoli: stress, umiliazione, perdita di autostima, depressione. Dal primo gennaio 2016 al 29 giugno 2016, le vittime di stalking sono state 441; "sono numeri che fanno impressione, soprattutto perché non tengono conto del non denunciato.
Inoltre, i mutamenti avvenuti nel mondo del lavoro (incertezza sul futuro, precarietà, flessibilità, clima di competitività estrema, paura di perdere il lavoro, conflitti e conseguente emarginazione professionale) sono all’origine dello stato di disagio per molte persone, che talvolta evolve in vere e proprie patologie. Si tratta di un fenomeno poliedrico e intangibile, qual è appunto il mobbing, le cui dinamiche comportamentali non sono facilmente classificabili. Ansia, instabilità emotiva, depressione, rabbia, stress, mancanza di autostima e senso di fallimento personale generano tensione e aumento di conflitti relazionali che, se mal gestiti, facilitano la comparsa di malesseri fisici e psichici. "
Infine, "l’affermarsi di una società avaloriale in cui nessuno è responsabile delle proprie azioni e dove il concetto stesso di responsabilità è stato svuotato volutamente e sistematicamente del suo significato più vero promuove forme di aggressività spietate e prive di inibizioni che stanno all’origine di tante violenze, fisiche e morali. L’eccessivo egocentrismo sempre più presente nelle nuove generazioni internautiche, il propagarsi di un permissivismo basato sulla ricerca a ogni costo della soddisfazione individuale e la perdita costante delle regole sociali di base provocano disorientamento e incertezza nello sviluppo armonico di relazioni sane e mature. La complessità del compito formativo ed educativo cui sono chiamati genitori e docenti per una vera crescita morale, affettiva, sociale e relazionale degli adulti del futuro richiede nuove modalità comunicative basate sul dialogo e l’ascolto partecipato. La difficoltà a dedicare “tempo e spazio” alle problematiche adolescenziali, per un ascolto più mirato e autentico dei loro vissuti e delle loro emozioni, ha comportato nei giovani una generalizzata sfiducia nei confronti degli stessi insegnanti e genitori che sempre più appaiono ai loro occhi privi di autorevolezza e credibilità. Non a caso è in continua e preoccupante espansione, soprattutto negli ultimi anni, il fenomeno del bullismo e del cyber bullismo. E’ una vera emergenza sociale che richiede azioni concrete nel segno di un nuovo risorgimento, morale e culturale, capace di generare un cambiamento profondo e radicale, fondato sulla reciprocità e sul rispetto della dignità della persona. "
Partendo da queste riflessioni emerse da una serie di studi e ricerche (1) che descrivono il fenomeno della violenza, le possibili cause, le variabili interagenti e le azioni utili per prevenire e combattere tutte le forme di discriminazione e di atti persecutori, "è nata l’idea di istituire nell’ambito della Regione Abruzzo l’Osservatorio Sociale Regionale, un Centro di Ricerca la cui mission è garantire la realizzazione di un sistema di osservazione, monitoraggio, analisi dei fenomeni di violenza psicologica, fisica, sessuale, economica e qualsiasi altra forma di coazione riconducibile o collegabile al fenomeno degli abusi."
L’attività dell’Osservatorio sarà gestita da professionalità diverse secondo modalità operative efficaci ed efficienti di coordinamento e di condivisione di risorse umane e strumentali. In merito il Centro prevede la disponibilità di operatori specializzati: Assistenti sociali, Criminologi, Avvocati Giuslavoristi e Penalisti, Medici del lavoro, Medici legali, Psichiatri, Psicoterapeuti e Psicologi, Ricercatori e Sociologi.