Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Mercoledì, 21 Dicembre 2016 19:08

Calcio 5. Patricelli convocato nella Nazionale under 15. Orgoglio per il Montesilvano

Scritto da Red En

Francesco Patricelli convocato nella Nazionale under 15 per il prossimo Futsal Camp.

 

 

Montesilvano, 21/12/2016 – Un grande orgoglio per il Montesilvano e una soddisfazione enorme per un ragazzo di belle prospettive. Francesco Patricelli, classe 2002, uno dei “Giovanissimi” della Caiana, è stato infatti convocato dal selezionatore Carmine Tarantino in vista del prossimo Futsal Camp. Dopo gli appuntamenti di Lanciano e Vazzola (Treviso), il terzo raduno stagionale si terrà in Puglia, al PalaPertini di Noicattaro, dal 2 all’8 gennaio, e in quella cornice ci sarà l’occasione per ammirare sul campo i migliori giovani talenti italiani, categorie under 15 e under 17. Per tutto il Montesilvano, questa convocazione è motivo di grande soddisfazione e, allo stesso tempo, un segnale di buon auspicio. Il progetto giovani inaugurato quest’anno dalla società si basa proprio sulla valorizzazione dei migliori giovani talenti provenienti dal vivaio, e per questo l’augurio è che Francesco Patricelli sia solo il primo di una lunga lista di ragazzi che sapranno farsi valere e fare la fortuna del Montesilvano e del calcio a 5 italiano nei prossimi anni.

“Sono molto contento di questa convocazione, perché è ampiamente meritata – ha commentato l’allenatore dei Giovanissimi del Montesilvano Roberto Stanchi –. Francesco è a Montesilvano da tre anni, io personalmente lo alleno da due anni e ho potuto vedere da vicino la sua crescita. Non è solo un ottimo giocatore, dal punto di vista tecnico, ma soprattutto è un ragazzo molto forte caratterialmente, che si applica, ascolta i consigli ed è sempre pronto a imparare e a crescere. Inoltre, elemento fondamentale, ha alle spalle una famiglia eccezionale. Per questo insieme di fattori congiunti, è arrivata una convocazione strameritata, anche se ora il Montesilvano dovrà guardarsi da tutti coloro che, certamente, vorranno portarcelo via. E devo aggiungere, che è una grande soddisfazione anche per noi del settore giovanile, che spesso lavoriamo in condizioni difficili, senza grossi mezzi, e dietro la crescita di un singolo ragazzo ci sono mesi di lavoro e di sacrifici”.