Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Mercoledì, 30 Gennaio 2019 17:09

Pescara. Vicenda sversamento a mare e ordinanze 2015. Tutti assolti.

Scritto da A.C.

Assolti "perchè il fatto non sussiste", questa mattina dal gup del tribunale del Pescara Gianluca Sarandrea, il sindaco Marco Alessandrini e l'ex vice sindaco Enzo Del Vecchio, accusati di omissione di atti d'ufficio in concorso e giudicati con il rito abbreviato in merito alla vicenda riguardante la cosiddetta ordinanza di divieto di balneazione "fantasma" dell'agosto 2015.

 

Per la stessa vicenda il giudice ha dichiarato il non luogo a procedere per il dirigente comunale Tommaso Vespasiano.

I tre imputati erano finiti a giudizio in seguito alla condotta del depuratore, che nell'estate di quattro anni fa provocò un ingente sversamento di liquami in mare. In seguito a quell'incidente, il 3 agosto del 2015 venne emessa un'ordinanza di divieto di balneazione, che tuttavia restò chiusa nei cassetti del Comune. Il pm Anna Rita Mantini aveva chiesto condanne a 6 mesi per Alessandrini e Del Vecchio, e il rinvio a giudizio di Vespasiano.

“Ho sempre avuto fiducia nell’operato della magistratura, certo come sono che i processi si celebrano nei luoghi deputati e non altrove. La sentenza di piena assoluzione mi rende lieto visto che dopo tre anni di attesa la mia posizione viene definitivamente chiarita. "Il comento del Sindaco."

"Una situazione, quella accertata al giudice, che è stata più volte attestata dal 2015 a oggi anche da parte degli organismi sanitari locali, con i quali siamo stati e siamo sempre in contatto nell’affrontare le criticità della balneazione che riguardano una piccola parte della nostra costa."

"Il mare pulito era e resta un obiettivo prioritario per la nostra città, perché è il suo elemento identitario e per la sua salubrità continueremo a impegnarci, portando avanti le azioni sul depuratore, sulla rete fognaria della città, sulla rinaturalizzazione del fiume e facendo monitoraggi e controlli in sinergia con la filiera locale di tutti gli organi competenti. Una filiera che siamo stati i primi in oltre vent’anni ad attivare.

"Sono infine lieto che dall’inchiesta siano usciti fuori sia i componenti della mia Amministrazione (Enzo Del Vecchio), quanto gli esponenti di quelle passate (Luigi Albore Mascia e Marcello Antonelli), perché ho sempre ritenuto corretti i rispettivi operati e anche perché non è mio costume pensare di battere e abbattere gli avversari politici per via giudiziaria”.

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33031230