Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 
Lunedì, 24 Gennaio 2022 19:24

'Lunedì nero' per le Borse europee, bruciati 386 miliardi dollari

Scritto da nefer

Il mercato delle criptovalute ha bruciato 130 miliardi di dollari

'Lunedì nero' per le Borse europee: l'indice Stoxx 600 che riunisce i principali titoli quotati nel Vecchio continente ha chiuso in calo del 3,6%, che equivale a 386 miliardi di capitalizzazione persi in una sola seduta. In una seduta di crollo per i mercati azionari, lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni ha chiuso in crescita a 139 punti base rispetto a un avvio a quota 133 e una chiusura di venerdì a 135. Nel primo giorno di voto per il Quirinale, il rendimento del prodotto del Tesoro, con un leggero aumento nel finale, ha concluso all'1,28%, comunque sui livelli più bassi da una settimana. 

Il mercato delle criptovalute ha bruciato 130 miliardi di dollari di valore nelle ultime 24 ore, con il Bitcoin ed Ether in forte calo. Il Bitcoin perde il 6,6% e scivola sotto i 34.000 dollari, continuando il trend di calo delle ultime sei giornate. Ether cede il 7,6% a 2.201 dollari, ai minimi da luglio. L'ondata di vendite che si è abbattuta sulle criptovalute è legata alla fuga dai titoli azionari e dalla Fed che si prepara a un rialzo dei tassi di interesse.

Prima seduta di settimana da 'sell-off' sui mercati azionari europei a causa soprattutto delle fortissime tensioni per il rischio di scontro militare in Ucraina e per i timori di una 'stretta' nella politica della Federal reserve statunitense che potrebbe influire sulle scelte delle altre banche centrali: Milano ha chiuso con l'indice Ftse Mib in ribasso del 4,02% a 25.972 punti, dopo un minimo di giornata a quota 25.801.

In una seduta di crollo per i mercati azionari, lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni ha chiuso in crescita a 139 punti base rispetto a un avvio a quota 133 e una chiusura di venerdì a 135. Il rendimento del prodotto del Tesoro, con un leggero aumento nel finale, ha concluso all'1,28%, comunque sui livelli più bassi da una settimana.

Mercati azionari del Vecchio continente tutti pesantissimi: Londra ha chiuso la seduta in calo del 2,6%, ma sulle tensioni in Ucraina e i timori di 'stretta' delle banche centrali ancora più pesanti hanno concluso Parigi (-3,9%) e Francoforte (-3,8%).

Ultima modifica il Martedì, 25 Gennaio 2022 12:05

chiacchiere da ape