Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Giugno 30th, 2022
dal 4 luglio Al via da lunedì 4 luglio il Servizio di emergenza nei luoghi ...
Giugno 30th, 2022
 Di Carlo: “C’è bisogno di sangue” Ecco il nuovo orario del Centro ...
Giugno 30th, 2022
 'Automotive', di cui fanno parte 22 regioni europee, tra cui Abruzzo, ...
Giugno 30th, 2022
Appello agli altri parlamentari abruzzesi: “Andare oltre appartenenze politiche ...
Giugno 30th, 2022
 Il Presidente Menna: "Questo ampliamento ci permetterà di accogliere tanti ...
Giugno 30th, 2022
Dal 4 luglio al 30 agosto la 29sima edizione di “Concerti Sotto le Stelle” ...
Giugno 30th, 2022
Decisione shock del Comune di Montesilvano: tutte le fontanelle del lungomare ...

Spettacoli e Cultura

Giugno 30th, 2022
di Goffredo Palmerini L’AQUILA – “Invito alla lettura di Flaiano” (Mursia ...
Giugno 29th, 2022
Il sensitivo Antheus spiega chi sono e suggerisce come affrontarli. A lavoro, ...
Giugno 29th, 2022
49 Premi Internazionali Flaiano - “Il Flaiano al Marina, un’altra settimana di ...
Giugno 29th, 2022
L’Istituto Comprensivo di Atri celebra i suoi diplomati ATRI. L’Istituto ...
Giugno 28th, 2022
Gli incontri e eventi della settimana - si aggiungeranno durante la settimana ...

Notizie Abruzzo

  • Prev
dal 4 luglio Al via da lunedì 4 luglio il Servizio di emergenza nei luoghi di vacanza della Provincia di Chieti
 'Automotive', di cui fanno parte 22 regioni europee, tra cui Abruzzo, Lombardia, Piemonte e Veneto  Marco
E’ stato inaugurato questa mattina lo sportello di assistenza e sostegno sociale che sarà gestito dall’Associazione
Con un incontro svoltosi al Parco dei Priori, presente l’Assessore alle Politiche Sociali, Maria Angela Galante, si è
Appello agli altri parlamentari abruzzesi: “Andare oltre appartenenze politiche e tutelare simbolo Abruzzo”
 Il Presidente Menna: "Questo ampliamento ci permetterà di accogliere tanti giovani desiderosi di crescere e di
Sabato, 30 Aprile 2022 11:34

Medici volontari in Ucraina: il contributo di Medici Senza Frontiere

Scritto da nefer

Il conflitto scoppiato lo scorso 24 febbraio in Ucraina è senza dubbio un evento devastante per la popolazione civile ucraina, che ha coinvolto aiuti umanitari provenienti da ogni parte dell’Europa e ha provocato una emigrazione di circa 3 milioni di persone.

 

Tante sono le vittime del conflitto e migliaia di persone cercano ancora oggi di scappare dal Paese per restare vivi. Dall’inizio della guerra, fino ad oggi, Medici Senza Frontiere ha messo a disposizione gran parte delle sue equipe in diverse aree del conflitto per sostenere l’emergenza umanitaria e supportare i civili.

 

La Onlus vanta di un’organizzazione strutturata, con 50 anni di esperienza sul campo, in grado di offrire ogni tipo di materiale per le cure mediche, supporto logistico e psicologico, medici professionisti in grado di effettuare interventi urgenti e tante figure professionali che quotidianamente svolgono il loro lavoro come volontari per aiutare chi ne ha più bisogno.

 

I progetti umanitari attivi sono tanti, dagli interventi urgenti salva-vita alle operazioni di accoglienza. Si tratta di una vera e propria corsa contro il tempo per far arrivare le forniture mediche ovunque sia necessario. Scopri di più sul contributo di Medici Senza Frontiere per l’emergenza Ucraina.

 

Di cosa si occupa la Onlus Medici Senza Frontiere

 

MSF è una organizzazione no profit fondata nel 1971, a seguito della drammatica guerra in Biafra. In 50 anni di attività solidale, la Onlus ha raggiunto un gran numero di medici volontari e professionisti di ogni settore per avviare progetti sostenibili in più di 80 Paesi e aiutare le persone bisognose di cure, assistenza e supporto logistico.

 

Medici Senza Frontiere è un’organizzazione imparziale, ciò significa che si limita a portare cure e assistenza medica alle popolazioni colpite dai conflitti, dalle crisi sociali ed economiche, dalle epidemie e da catastrofi naturali.

 

Tante sono le attività che coinvolgono i volontari di MSF, a partire dalle campagne di vaccinazione d’emergenza e di routine nelle zone dove insorgono le epidemie e dove il sistema sanitario nega le cure basilari.

La Onlus vanta di un’organizzazione efficace in grado di rispondere immediatamente alle catastrofi naturali, avviando le operazioni poche ore dopo lo scoppio delle emergenze.

 

Come con l’emergenza umanitaria in Ucraina, Medici Senza Frontiere si impegna a fornire assistenza medica, supporto psicologico e alimentare a tutti coloro che fuggono dai conflitti e dalle crisi sociali. La Onlus, infatti, è sempre presente nei campi rifugiati e sfollati, offre supporto lungo il percorso di migrazione e attiva diversi punti di accoglienza.

 

Il grande lavoro di questa Onlus può avvenire solo grazie alle donazioni dei privati che si impegnano a contribuire e sostenere l’ONG.

 

Il contributo dei medici volontari MFS in Ucraina

 

Medici Senza Frontiere ha inviato le prime cure mediche urgenti alle località di Mariupol e Kiev, maggiormente colpite dal conflitto. A partire dallo scoppio della guerra, fino ad oggi, le equipe di MFS sono presenti anche nei paesi limitrofi per assistere i rifugiati: Polonia, Ungheria, Moldavia, Slovacchia, Bielorussia e Russia.

 

I medici volontari in Ucraina sul campo, nelle ultime settimane, oltre agli interventi di cura urgenti si occupano di trasferire i pazienti sul treno adibito a clinica. La maggior parte dei pazienti provengono dagli ospedali vicini alla linea del fronte, nelle aree duramente colpite dal conflitto.

 

Nel frattempo, in Italia è stato avviato un progetto per offrire supporto psicologico e di orientamento alla popolazione ucraina in fuga. In questo modo le persone rifugiate possono accedere all’assistenza psicologica e alle informazioni sull’accesso alle cure.

 

Gli operatori impegnati nella risposta all’emergenza in Ucraina sono oltre 300, tra volontari internazionali e volontari locali. All’interno dei team sono presenti il personale medico, psicologi, addetti a logistica e amministrazione, esperti di comunicazione. Attualmente i volontari sono impegnati a Kiev, Leopoli, Vinnytsia, Zhytomir, Dnipro, Kharkiv, Odessa, Mykolaiv, Poltava, Bila Tserkva, Uzhhorod e Ivano-Frankivsk. Sono tanti altri i volontari attivi nei centri di accoglienza situati ai confini con l’Ucraina e in tutti gli Stati Europei, in collaborazione con altre organizzazioni e le istituzioni.

Ultima modifica il Sabato, 30 Aprile 2022 11:59

Sport

Attualità

Eventi

Lavoro

Politica

Notizie Montesilvano

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233743

Powered By PlanetConsult.it